Da Bergamo spediscono paziente grave al pronto soccorso di Palazzolo. Peccato non esista più

0

(a.c.) Da anni non esiste più un presidio di pronto soccorso, eppure dall’ospedale di Zingonia, in provincia di Bergamo, i medici hanno indirizzato l’ambulanza proprio a Palazzolo. La paziente sarebbe dovuta andare a Chiari: un equivoco che potrebbe esserle costato la vita. 

Sfortunata protagonista involontaria di questa assurda vicenda è l’89enne Maria Pasqualina Lecchi, residente a Capriate San Gervasio. Recatasi presso il Policlinico di Zingonia nella notte dello scorso 23 agosto, a causa di una con sversamento pleurico, è stata rapidamente indirizzata presso un’altra struttura. I medici però hanno scelto male, individuando nell’ospedale di Palazzolo la destinazione. Peccato che a Palazzolo il pronto soccorso non esiste più da anni, e una volta giunta sul posto l’ambulanza abbia dovuto cambiare meta e dirigersi a Chiari, dove la paziente è deceduta. 

A trarre in inganno i medici potrebbe essere stato il fatto che le due strutture fanno capo alla stessa azienda ospedaliera, la Mellini di Chiari, e che addirittura il numero di telefono è lo stesso. Palazzolo inoltre è sede di ricovero per malati acuti, provenienti però da strutture dove sono stati accettati in primo soccorso. 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. A trarre in inganno i medici potrebbe essere stato il fatto che ……… MA SIAMO TUTTI IMPAZZITI PER CASO ???????????????????? ? Al giorno d’oggi dobbiamo solo pregare di stare sempre bene.
    Condoglianze alla famiglia !

  2. Si è una vergogna davvero! Mi auguro che almeno qualcuno paghi per quello che è successo. Come tanti possono pensare è vero la Sig.ra aveva 89 anni, ma non fa differenza, poteva esserci chiunque su quella ambulanza. Certe persone che lavorano in questi ambiti forse è meglio che vadano a lavorare in fabbrica, almeno li se si sbaglia si butta via un pezzo e magari una lavata di testa. Troppi errori umani dati da distrazione alcool droghe ecc ecc.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome