Il Conservatorio collabora con la Compagnia dei Custodi delle Sante Croci: stasera il concerto

0
Bsnews whatsapp

Prosegue la rassegna autunnale dei concerti del Conservatorio Luca Marenzio con tre concerti in città.
Per la prima volta il Conservatorio collabora, con entusiasmo, con la Compagnia dei Custodi delle Sante Croci ed è proprio in un concerto
In onore della Santa Croce che si esibiranno stasera, giovedì 13 settembre, alle 20.45 in Duomo Vecchio i “Solisti del Conservatorio” diretti da Silvio Baracco.
Il gruppo vocale e un ensemble strumentale proporrà nella prima parte importanti pagine sacre di Poulenc, Faurè, Vivaldi e Mozart.
Dopo il Concerto per due trombe di Vivaldi (solisti i trombettisti Sergio Malacarne e Carlo Sufflico) sarà proposto un capolavoro della storia della musica, lo “Stabat Mater” per soli, coro, archi e continuo di Giovanni Battista Pergolesi. Soliste nello” Stabat Mater”  il soprano Cristina Pastorello, insegnante di canto al Conservatorio cittadino e il contralto Romina Tomasoni, giovane bresciana, laureata al Conservatorio Marenzio, vincitrice di importanti concorsi nazionali e internazionali.
 
Sabato 15 nell’Auditorium San Barnaba alle ore 21.00, per la rassegna dei diplomandi e degli allievi del biennio sperimentale, il pianista Alberto Fondrieschi Bagatta terrà un recital di musiche importanti: Sonata op. 111 di Beethoven, Studio trascendentale n° 4 (Mazeppa) primo libro delle Variazioni sopra un tema di Paganini op. 35 di Brahms e “Isalmei” di Balakirev. Alberto Fondrieschi Bagatta diplomando nella classe di pianoforte del M° Ruggero Ruocco nel 2001 ha vinto il concorso internazionale “Camillo Togni” nella sua categoria e nel 2004 il premio "Isidoro Capitanio"  del Conservatorio di Brescia.
 
Sabato 15 alle ore 21.00 nella chiesa di San Giovanni Evangelista, Concerto per arpa e organo dal titolo “In chordis et organo",  protagonisti l’arpista Tatiana Alquati e l’organista Gianfranco Moraschini. La serata, introdotta da un "Preludio- corale” e dalla “Toccata e fuga”  in re minore per organo di Bach, offre poi la Raphsodie per arpa di Grandjany, il “Prelude –Berceuse” per arpa e organo di Oreste Ravanello (1871-1938) e l’“Aria in Classic Style" ancora di Grandjany, per arpa e organo. Il programma della serata ricorda due anniversari: il 150° dalla nascita di Débussy con l’esecuzione di “Danse Sacre e Danse Profane” per arpa e organo, e quale chiusura del concerto, il "Finale Marche" (dalla XII suite) per organo di Leon Boellmann, del quale ricorre altresì il 150 della nascita. Il programma è completato dall’ "Allegro maestoso e Fuga" (dalla Sonata n.2 op.65) per organo di Mendelssohn e dalla Prima Esecuzione Assoluta di “Arabesque V°” per arpa del compositore bresciano Giancarlo Facchinetti.
Il Concerto in San Giovanni avviene in collaborazione con la Parrocchia e con l’Assocazione Alzhaimer.

Tatiana Alquati, diplomata nel 2009 a soli 17 anni al Conservatorio cittadino con Anna Loro, vanta un curriculum concertistico di grosso spessore ed ha vinto un numero straordinario di concorsi e premi nazionali ed internazionali. Dal 2010 è Prima Arpa dell’Orchestra Giovanile Italiana di Fiesole.
L’organista bergamasco Gianfranco Moraschini, attualmente titolare della cattedra di Teoria Musicale al Conservatorio Marenzio sede di Darfo, è direttore della Schola Cantorum e organista titolare della chiesa di San Paolo Apostolo in Bergamo.
Intensa e qualificata la sua attività concertistica con più di 300 concerti in Italia ed Europa come solista, componente o direttore di complessi corali e strumentali.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI