Il Rosé di Barone Pizzini è il miglior vino biologico del mondo

0
Bsnews whatsapp

È stato il Franciacorta Rosè Docg 2008 della cantina Barone Pizzini il grande protagonista a Londra dell’International Wine Challenge, l’autorevole concorso enologico nato nel 1984, dove si è aggiudicato uno dei più importanti riconoscimenti in palio, l’Iwc Organic Trophy, riservato al Miglior vino biologico al mondo.

Una marcia trionfale quella del Franciacorta Rosè Docg 2008 di Barone Pizzini, che ha superato brillantemente tutte le fasi della storica competizione di vino nata nel 1984, tra le più selettive e rigorose, assolutamente indipendente, che ogni anno vede coinvolti 400 giudici impegnati a degustare alla cieca 21000 bottiglie provenienti da più di 50 Paesi. Un cammino costellato dai successi: dalla Medaglia d’Oro, unico vino italiano nella tipologia sparkling a raggiungere questo massimo punteggio, sino a guadagnarsi il primato mondiale per la categoria del biologico. Questa la motivazione con cui la giuria internazionale di esperti enologi, sommelier, giornalisti e winemaker ha consegnato l’IWC Organic Trophy: “…Barone Pizzini usa esclusivamente sostanze che si trovano in natura o che si possono ottenere attraverso dei processi semplici. Niente elaborazione chimica o manipolazioni genetiche, nessun fertilizzante nè pesticidi sintetizzati chimicamente…”

Ma non è tutto: al già ricco il bottino dei premi di Barone Pizzini nella trasferta londinese, se ne deve aggiungere un altro: l’Italian Sparkling Trophy, riservato al miglior vino effervescente italiano.

A ricevere i premi, un orgoglioso Silvano Brescianini, direttore dell’azienda: “Lavoriamo da anni nel rispetto dei valori in cui crediamo, seguendo i dettami dell’agricoltura biologica e senza perdere mai di vista il nostro obiettivo, produrre vini di qualità superiore. Oggi l’impegno, la fatica e la passione che ci legano al nostro territorio sono ripagati da questo riconoscimento in un concorso internazionale autorevolissimo. Un’ immensa, soddisfazione per noi e un ulteriore stimolo a proseguire su questa strada, ma un traguardo importante anche per tutta l’enologia italiana da agricoltura biologica, da oggi sul tetto del mondo ”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Grande notizia!
    Speriamo che tutta la Franciacorta diventi biologica: conquisteremmo il mondo, altro che lo champagne….
    Intan to comunque portiamo sulle nostre tavole questi vini biologici: sono sani e sono + buoni!!!

RISPONDI