Tunisino irregolare arrestato per tentata rapina e minacce di morte

0

Alle ore 00.30 circa di questa notte è giunta in sala radio la segnalazione di una tentata rapina avvenuta in via dei Mille. Giunti sul posto, gli agenti del Commissariato Carmine hanno contattato la vittima, un cittadino marocchino del 1990 il quale ha riferito loro che poco prima un soggetto nord africano, dopo averlo avvicinato con una scusa, gli aveva strappato dal collo una catenina in oro. Nonostante lo spavento del momento, la vittima è riuscita comunque a trattenere la collana e l’aggressore, dopo averlo colpito in volto, si è dato alla fuga. Iniziate le ricerche in zona gli agenti hanno individuato il rapinatore. Trattasi di M.M., cittadino tunisino del 1979, irregolare sul territorio e con precedenti specifici a suo carico. Indicatogli dalla vittima stessa mentre passava poco distante a bordo di una bicicletta, l’uomo è stato inseguito dagli agenti i quali, dopo averlo inizialmente perso di vista, lo hanno definitivamente bloccato e arrestato in via F.lli Ugoni. Le imputazioni a suo carico sono quelle di tentata rapina e minacce gravi. Lo straniero infatti, accortosi che la sua vittima aveva chiamato il 113, l’ha avvicinata nuovamente minacciandola di morte. Il suo arresto è stato convalidato questa mattina. Per lui è stata disposta la custodia cautelare in carcere in attesa della Direttissima che si terrà nei prossimi giorni.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Come faceva ad avere precedenti specifici ed essere ancora libero? Questa è la domanda sempre più frequente… Brescia sempre più invivibile!

  2. <Trattasi di M.M., cittadino tunisino del 1979, irregolare sul territorio e con precedenti specifici a suo carico>….appunto che ci fà ancora in giro?Scontata la pena da rispedire in Tunisia e basta visto d’ingresso per 30 anni.Come in Svizzera.
    Si ma ci sarebbe qualche fondazione piccini, cgill, antifaxisti, antiquesto proquello che farebbero

  3. Uno che minaccia un’altra persona in presenza di agenti, oltre ad essere un’idiota, dimostra quale grado di rispetto abbia delle leggi italiane. E non lo biasimo, visto che è ancora qui nonostante "precedenti specifici".

LEAVE A REPLY