Nuovo software per oltre 200 biblioteche di città e provincia: una rivoluzione

0
Bsnews whatsapp

Una piccola, ma importante, rivoluzione: da ieri pomeriggio un nuovo software gestisce le oltre 200 biblioteche della Rete Bibliotecaria Bresciana. Abbandonato il vecchio programma noto col nome di "Sebina", l’Ufficio Biblioteche del Broletto (che ha sede in via Fontane a Mompiano) ha deciso di virare verso un software, "Clavis", che consentirà allo stesso tempo di gestire il patrimonio librario e multimediale delle biblioteche e di interfacciarsi con gli utenti attraverso il catalogo on-line.

Proprio dall’interfaccia con l’utente arriveranno le maggiori novità del nuovo programma: i lettori avranno la possibilità di prenotare autonomamente, senza mediazione del bibliotecario, da casa propria libri, cd musicali e dvd che intendono ritirare presso una qualsiasi delle biblioteche della provincia, dove verranno recapitati dall’efficientissimo sistema di prestito interbibliotecario. Prima questo servizio era limitato esclusivamente ai documenti della propria biblioteca, invece ora la biblioteca sarà, di fatto, una sola in tutta la provincia, con un patrimonio complessivo di oltre 3 milioni di documenti. Tramite lo stesso catalogo i lettori potranno ora condividere commenti e interagire con gli altri utenti, in una sorta di grosso spazio virtuale dove incontrarsi.   

Con questo ulteriore step la già eccellente qualità dei servizi delle biblioteche compie un ulteriore passo in avanti. La Rete Bibliotecaria Bresciana, ricordiamolo, è composta dalle biblioteche di quasi tutti i comuni della provincia e da alcune biblioteche speciali cittadine (la Calzari-Trebeschi, alcune biblioteche di istituti superiori – ad esempio il classico Arnaldo, l’Abba-Ballini, il Gambara e il Golgi, la biblioteca dello IAL); sono escluse invece, da sempre, le biblioteche circoscrizionali e la Queriniana.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Buona notizia, le nostre biblioteche stanno facendo un ottimo lavoro, ed andrebbero coinvolte anche nella realizzazione di applicativi del genere.

RISPONDI