La Lega chiede un consiglio straordinario sul caso Matisse e bacchetta Cè: “Ingrato”

41

La Lega Nord di Brescia si schiera in maniera decisa sul caso Matisse.

“La città ha il diritto di avere massima trasparenza e chiarezza sul caso Matisse" ha affermato il capogruppo in Loggia Nicola Gallizioli. “Siamo quindi a proporre un consiglio comunale sul tema, un consiglio comunale nel quale i consiglieri possano avere a disposizione tutti i documenti per affrontare in modo accurato e completo il caso”.

“Per quanto riguarda il passato chiederemo che ci venga fornita tutta la documentazione necessaria per avere un quadro completo della mostra Matisse, ma chiediamo che ci siano fornite le medesime informazioni su tutte le grandi mostre che si sono svolte negli ultimi anni. L’obiettivo è far chiarezza su tutto il periodo delle grandi mostre a Brescia da Goldin fino ad oggi”.

Per quanto riguarda il futuro chiederemo che il Consiglio Comunale colga l’opportunità della discussione sul caso Matisse per rilanciare la cultura a Brescia con una impostazione diversa che fondi su due pilastri fondamentali: si sospendano e si rimandino le Grandi mostre a momenti migliori; si punti a valorizzare il patrimonio cittadino, in particolar modo quella straordinarie ricchezza di collezioni private di cui é ricco il territorio e che se ben organizzate, possono divenire appuntamenti di grande interesse nazionale.

La politica culturale a Brescia non deve fermarsi a causa di questa vicenda, e un potenziamento della Fondazione Brescia Musei può fare da volano per avviare questa nuova impostazione.

Gallizioli risponde in maniera netta anche alle dichiarazioni dell’ex compagno di partito Cè (qui le sue parole): “Difficile ricevere lezioni da un pensionato della politica, uno che ha assunto e tenuto per diversi anni ben tre incarichi contemporanei, uno che pur uscendo dal movimento che lo ha eletto é rimasto in consiglio regionale per anni come gruppo misto con benefit maggiorati. Uno che costantemente sputa nel piatto in cui ha mangiato e che gli ha garantito il vitalizio. Da quale pulpito morale si arroga il diritto di parlare Ce?”.

“La Lega Nord sul tema ha già parlato, anche per bocca del vicesindaco, chiedendo e pretendendo da subito chiarezza, stigmatizzando dichiarazioni iniziali sbagliate, e portando la giunta, sindaco in testa, a pretendere i dati SIAE ed intraprendere le azioni legali necessarie. E questo lo ribadiremo in consiglio comunale, dove peraltro sosterremo la necessità di non abbandonare la politica culturale di valorizzazione di Santa Giulia ricominciando dal territorio e dalle collezioni private di cui Brescia dispone”.

Comments

comments

41 COMMENTS

  1. Qualcuno che finalmente ne dice quattro a sto pidiellini. Prima Isacchini che fa causa al Comune per l’IMU, adesso Arcai che sul caso Matisse non sa più che pesci pigliare, il prossimo chi sarà.
    Lega sempre e ovunque!

  2. Informazioni tratte dal sito del Comune di Brescia sul sig. Gallizioli: "Dal 1998 e per tre mandati successivi ha ricoperto il ruolo di Capogruppo ed è stato membro delle Commissioni Consiliari Cultura ed Urbanistica."
    Solo ora si preoccupa di controllare cosa faceva la vecchia Giunta? A suo tempo aveva non solo la possibilità, ma anche il dovere di farlo e non lo ha fatto.
    Si dimostra ogni giorno di più un personaggio in grado solo di cavalcare l’onda del momento per semplici fini propagandistici.

  3. beh i commenti di Alessandra sono quanto meno da interpretare…se a vergani non capitava di avere x caso quel biglietto probabilmente non avrebbe avuto nemmeno il suo momento di visibilità, fortuna vuole che il caso glielo abbia fatto recapitare, almeno si avrà chiarezza una volta per tutte su tutte le mostre fatte a brescia negli ultimi anni…

  4. Ma che cavolate vai dicendo caro Gallizioli,20 anni di governo e cosa avete fatto se non….portare l’italia da 800 miliardi a 2000 di debito pubblico.Ormai siete diventati peggio del pdl(partito dei ladri),in quanto a morali date esempio uscite da tutte le amministrazioni iniziando da regione lombardia per finire a tutti gli incarichi nei vari cda(creati ad arte per la paghetta dei vostri servetti),vergognati e………vai da un dietologo che previene il colesterolo.

  5. Abbiamo capito che fai il portavoce di Mister Cè so tutto io…ma forse lui che critica tanto la Lega dovrebbe ricordarsi che di quei 20 anni in cui la lega ha governato, lo stesso era capogruppo alla Camera, per poi diventare consigliere comunale a brescia e capogruppo in provincia senza aver combinato una strabeata fava…e ricordiamo anche che quando è arrivato in regione lo hanno eletto perchè nel listino bloccato di Formigoni, altrimenti avrebbe replicato la pessima performance di preferenze che ha preso x il consiglio comunale…ma tanto lui, cosi bravo e intelligente pensa che la gente sia tutta rimbambita e che basta riciclarsi con un nuovo movimento sostenedo la parte politica a cui si è sempre stati avversi x fare dimenticare le cose a chi magari lo ha in passato anche votato, vero?

  6. Ma che cavolate vai dicendo caro Gallizioli,20 anni di governo e cosa avete fatto se non….portare l\’italia da 800 miliardi a 2000 di debito pubblico.Ormai siete diventati peggio del pdl(partito dei ladri),in quanto a morali date esempio uscite da tutte le amministrazioni iniziando da regione lombardia per finire a tutti gli incarichi nei vari cda(creati ad arte per la paghetta dei vostri servetti),vergognati e………vai da un dietologo che previene il colesterolo.

  7. CARISSIMO, MA CI PENSATE TUTTI RIMBAMBITI???,VORREI RICORDARE PER CHI TIENE POCA MEMORIA O NON STUDIA.Le battaglie fatte a Roma nel 2004 a favore dei risparmiatori,ai tempi di CIRIO,PARMALAT,ANATO CISMO ecc ecc.Mentre voi Legaioli difendavate i vari FAZIO,GERONZI e FIORANI che di notte rubava soldi dai conti correnti dei cittadini e poi entrava nel palazzo con le mazzette nel saccetto del pane, ed in tempi non sospetti, denunciava il malcostume della SANITA’ LOMBARDA.Sanità di cui oggi ne leggiamo i vari scandali……..e LA leghetta cosa fà? Invita ed applaude FORMIGONI ALLE SUE FESTE……….mi ripeto VERGOGNATEVIIIIIIIII II

  8. Senti caro saputello, chiedi al tuo amico Cè, tanto moralizzatore oggi, che ha tanto ribrezzo dei leghisti ma che è stato con loro fino al 2007 e probabilmente avrebbe continuato a starci se tutti avessero fatto quello che voleva lui(e che senza la botta di culo che ha avuto nel 96 di essere candidato probabilmente faceva ancora il dentista) come mai adesso critica tanto ma quando faceva il capogruppo ha sempre votato?? dai ma smettetela di prendere in giro le persone

  9. Cè denuciava la malasanità ed era assessore…ma la seggiolina in consiglio regionale non l’ha mica mollata…forse è proprio lui quello che ci ha abituato alla peggiore politica…

  10. Carissimo Pinocchio (lega) e Carissimo "Libero pensiero"….Da quel che mi è sembrato di capire, oltre che non aver il coraggio di lasciare il tuo autografo su quel che stai scrivendo, credi ancora alle fiabe….ma quelle fiabe che certamente non avranno lieto fine. Per questo, lascia che ti racconti io una bella fiaba… C’era una volta una vacca, che vedendo un uccellino infreddolito lo ricoprì di m.. per scaldarlo…quando l uccellino si sentì al caldo, cacciò fuori la testa e cominciò a cinguettare, ma in quel momento passò un coite che sentendolo cantare lo tirò fuori e se lo mangiò. MORALE: Non sempre chi ti butta addosso m.. lo fa per farti del bene…ma è altrettanto vero che non sempre chi te ne tira fuori lo fa per fartene del bene. ERGO: Quando sei nella m.. fino al collo, stattene zitto…che oltre a salvarti le chiappe, eviti di fare una pessima figura, visto che ne sei pieno fino al collo… La tua lega dovrebbe solo tacere e nascondersi.

  11. Cè aveva già tentato di approdare altrove nel 2010, cioè nell’Italia dei Valori ben sapendo non solo dei vari Carrara, De Gregorio, Razzi e Scilipoti, cioè traditori portati in Parlamento, ma anche di decine e decine di altri casi in tutta Italia di riciclati, transfughi e doppiocasacchisti (soprattutto ex UDEUR, UDC e Forza Italia, ma anche ex socialisti, leghisti, DS, Margherita ed ex-MSI ) accasatisi con Di Pietro solo perchè dichiaratisi portatori (veri o presunti?) di consensi elettorali personali. Cè non approdò in IDV perchè alcune segnalazioni della periferia lombarda del partito frenarono la "benedizione a divinis" della candidatura alle regionali del 2010. Resta il fatto che, in quanto a nuovi entranti, l’Italia dei Valori più che un partito sempre aperto all’esterno (come era nelle legittime intenzioni del suo Presidente) è sembrato spesso un partito…spalancato all’esterno.

  12. Signor piergi… Non sò chi ti abbia dato notizia di un possibile approdo di Alessandro Cè nell’ "Italia dei Valori", probabilmente la falsa notizia è partita da qualche CAPO DI GABINETTO negli ambienti leghisti…dove, non solo la notizia e stata una pura diceria e maldicenza, ma anche la terminologia deontologica del nome dice tutto…Comunque se volete chiarimenti in merito, stassera alle ore 20’30 presso La Casa delle Associazioni a S.Polo, si terrà un incontro pubblico sul tema della Sanità Lombarda e della Lega in particolare, dove sarà presente Alessandro Cè…

  13. Signor piergi… Non sò chi ti abbia dato notizia di un possibile approdo di Alessandro Cè nell’ "Italia dei Valori", probabilmente la falsa notizia è partita da qualche CAPO DI GABINETTO negli ambienti leghisti…dove, non solo la notizia e stata una pura diceria e maldicenza, ma anche la terminologia deontologica del nome dice tutto…Comunque se volete chiarimenti in merito, stassera alle ore 20’30 presso La Casa delle Associazioni a S.Polo, si terrà un incontro pubblico sul tema della Sanità Lombarda e della Lega in particolare, dove sarà presente Alessandro Cè…

  14. falsa notizia…era scritto su ogni giornale all’epoca, dai…e comunque scusate ma viene da ridere a vedere questo qua che dopo 15 anni sulla scena politica pensa di riproporsi come il nuovo…

  15. Dunque, mumble mumble… C’è, C’è…. mi ricorda qualcosa…. Ah sì mi ricorda una scritta "C’è presidente (della Provincia)" scritto a caratteri cubitali in tangenziale ovest a 2 passi (in linea d’aria) dalla casa di Gallizioli.

  16. si ricorda anche che all’epoca con lui candidato alla presidenza della provincia la lega aveva preso meno voti di quelli prese alla stessa tornata elettorale alle Europee??

  17. No quello non me lo ricordo! Non è scritto a caratteri cubitali in un luogo di forte passaggio. Evidentemente non è stato sostenuto a sufficienza dai giovani politici leghisti rampanti dell’epoca. oppure la scritta si chiedeva semplicemente se "C’è (un) presidente" di qualche ignota associazione o società e la mia è solo un’ipotesi fantapolitica o la classica tesi del complotto….

  18. dove siete al governo garantite un tubo! sotto i vostri occhi, vicino a voi, tra le vostre fila avviene di tutto. altro che vigile presenza che garantisce la trasparenza. siete un partito come un altro, attaccati alle poltrone. A CASA !

  19. Dimenticavo le collezioni private bresciane con le quali la Lega vorrebbe rilanciare il sito espositivo di S.Giulia. Le opere dove sono ? Chi le possiede e quante sono ? Chi la ha censite ? Solo quadri, sculture o che altro ? Lo dicevo perchè ho un violino di Botturi, liutaio bresciano dei primi Novecento, liuteria di pregio che si potrebbe sicuramente esporre. Però vorrei 20.000 euro prima della mostra e un bonus di 3.000 euro se si raggiungono i 250.000 visitatori. Vorrei il parere di Rolfi o Gallizioli.

  20. Si, ma ad onor del vero il primo a sollecitare il Sindaco a fare chiarezza sulla vicenda confrontando i dati di artematica e SIAE fu proprio Rolfi, una volta che Vergani legittimamente sollevo’ dubbi in merito…

  21. A onor del vero…Ma questi si parlano in Giunta o hanno bisogno per comunicare di andare sui guornali???!!! A casa tutti gli attori di questo brutto pasticcio che è costato 500000 euro ai bresciani.

  22. La Fondazione Brescia Musei,che dovrebbe fungere da interfaccia tra Comune e "avventurieri" di passaggio, nella migliore delle ipotesi, non è stata in grado di vigilare sulle mostre e si è fatta abbindolare in una maniera così pietosa che sarebbe più dignitoso staresene zitti (e lasciar parlare la Procura) che perpetrare questa commediola in cui interpretano, molto malamente, le vittime; ciò detto cosa si propone: di potenziarla e di affidarle il destino culturale della città…ma mi sembra ovvio…direi assolutamente coerente con i pasticci che solo questo governo sa fare…
    Con buona pace di Monti e della crisi, forse – se non si fossero fatti soffiare quei 500.00 euro da sotto il naso – non ci sarebbe stato bisogno di apportare quei tagli ai servizi culturali (euro più, euro meno, i conti questa volta tornano…) che, oltre a cacciare in cassa integrazione i lavoratori dei musei (che ora si beccano, oltre al danno, la beffa di non avere più nemmeno la mostra sui Maya) ci hanno reso ridicoli agli occhi dei visitatori di tutto il mondo proprio nel momento in cui Brescia è entrata a far parte, con il museo di Santa Giulia e il Capitolium, del patrimonio UNESCO. Bravi ! Bravi ! Bravi !

  23. dopo l’affermazione contro Alessandro Cè che sputa nel piatto che ha mangiato….. la domanda nasce spontanea ma voi invece continuate ha MANGIARE nel piatto ? ..

  24. dopo l’affermazione contro Alessandro Cè che sputa nel piatto che ha mangiato….. la domanda nasce spontanea ma voi invece continuate ha MANGIARE nel piatto ? ..

LEAVE A REPLY