Le rondinelle battono il Modena e aprono le ali

0

BRESCIA – MODENA 2-1

BRESCIA: (3-5-2) Cragno 6; De Maio 6,5, Salamon 7, Stovini 6,5; Zambelli 7, Lasik 6, Budel 6,5, Scaglia 6,5 (31′ st Martina Rini s.v.), Daprelà 6; Corvia 6, And. Caracciolo 6,5 (41′ st Picci s.v.). (Russo, Ant. Caracciolo, Mitrovic, Rossi, Bouy). All. Calori.

MODENA: (3-4-3) Colombi 6,5; Andelkovic 6, Zoboli 5,5, Perna 6; Gozzi 6,5, Dalla Bona 6,5, Osuji 6 (31′ st Signori s.v.), Gulan 6,5; Stanco 6 (24′ st Surraco s.v.), Ardemagni 5,5, Greco 6 (10′ st Lazarevic 6). (Manfredini, Nardini, Ciaramitaro, Carini). All. Marcolin.

Arbitro: Pinzani di Empoli 4.

Reti: st 5′ Caracciolo, 13′ Gozzi, 28′ Caracciolo (rigore).

 

Note: ammoniti Daprelà, Budel, Osuji, Lazarevic, Dalla Bona, Corvia e Salamon.

 

L’iniezione di fiducia è arrivata. Il Brescia torna al successo nel turno infrasettimanale contro il Modena e ottiene una boccata d’ossigeno fondamentale per la sua crescita e per infondere serenità a tutto l’ambiente.

Alla vigilia del match l’allenatore dei canarini Marcolin (bresciano doc) aveva invitato la cittadinanza al Rigamonti. "Ci sarà da divertirsi" aveva detto. È stata una promessa da marinaio, perché la sfida ha concesso ben poco allo spettacolo, con le due squadre determinate a badare al sodo. Ne è uscito un primo tempo da sbadigli, se si escludono una girata di Caracciolo e un’incornata di De Maio, entrambe neutralizzate da Colombi. Il Brescia gioca sotto ritmo, il Modena fa della compattezza e delle verticalizzazioni il suo copione di gara, ma non punge.

La ripresa inizia con un altro piglio per le rondinelle, che alzano il baricentro e schiacciano subito gli emiliani nella loro metà campo. L’occhio cade sull’attesissimo Caracciolo, ancora a secco di gol, e l’Airone risponde spedendo in rete un cross di Scaglia con un colpo di testa in tuffo che manda in visibilio i tifosi. A proposito, dalla gradinata nessuna traccia dei famigerati cori razzisti. Finalmente.

La gara si accende, il Modena si scopre e il Brescia trova gli spazi per far male, ma nel migliore momento dei biancoblù arriva il fortunoso e contestato gol degli ospiti, con Gozzi che risolve una furibonda mischia nell’area bresciana dopo un sospetto tocco di mano.

Il tasso agonistico s’impenna. Il Brescia vuole vincere, il Modena non vuole perdere. L’episodio decisivo arriva al 28′, quando Caracciolo conquista e trasforma un rigore dubbio.

Nel finale la squadra di Calori potrebbe dilagare, ma Corvia e Caracciolo non gestiscono a dovere un paio di contropiedi potenzialmente micidiali ed il neoentrato Picci spara fuori a tu per tu con Colombi. L’unico sussulto dalla parte opposta arriva da una punizione di Dalla Bona a fil di palo.

Il Brescia vola al quinto posto e nonostante la squadra sia ancora in rodaggio cresce una certezza: la zona playoff può e deve essere il nido delle rondinelle.

IN COLLABORAZIONE CON CALCIOBRESCIANO.IT 

Comments

comments

LEAVE A REPLY