Brescia apre per l’arte: domani e sabato 13 ottobre

0
Bsnews whatsapp

Sabato 29 settembre e sabato 13 ottobre la città si appresta a vivere due notti dedicate alla cultura e all’arte, con un ricco programma di attività.

BRESCIA APRE PER L’ARTE è un’iniziativa del Comune di Brescia e di Fondazione Brescia Musei, che ha incontrato la collaborazione di numerosi enti, fra i quali la Provincia di Brescia, le Università, il Conservatorio di Brescia Luca Marenzio, l’Unità Pastorale della Diocesi di Brescia.

Rivolta in particolar modo alla valorizzazione del patrimonio storico-artistico della città, l’iniziativa prevede l’apertura straordinaria serale di musei e gallerie il 29 settembre e il 13 ottobre, e numerose iniziative che animeranno tutta la città la serata del 13 ottobre, fra le quali visite guidate per scoprire palazzi, chiese e chiostri, allestimenti illuminotecnici e interventi musicali per suggerire nuovi percorsi e nuove visioni del centro storico, l’apertura dei negozi.

Il programma di sabato 29 settembre (in concomitanza con le Giornate Europee del Patrimonio) prevede l’apertura straordinaria in orario serale del Museo di Santa Giulia e di alcune gallerie del centro storico, molte delle quali inaugureranno per l’occasione nuove esposizioni.

In particolare il Museo di Santa Giulia sarà aperto per tutta la giornata, ininterrottamente dalle ore 10 alle ore 22.00 (con ultimo ingresso alle 21.30) e l’ingresso sarà gratuito a partire dalle ore 14.00.

Durante la giornata saranno organizzate, per grandi e piccini, le seguenti attività su prenotazione:

ore 15,30 Pinacoteca Tosio Martinengo, ospite in Santa Giulia – Collezionismo in salotto
(percorso teatralizzato rivolto a un pubblico prevalentemente adulto)
La contessa Paolina Bergonzi Tosio, in una brillante conversazione, illustra i capolavori, poi donati alla città, collezionati insieme al marito Paolo, facendo rivivere la raffinata atmosfera culturale che faceva della loro dimora uno dei salotti più ambiti di Brescia nei primi decenni dell’Ottocento.

ore 16,30 Museo di Santa Giulia – Antico vs Contemporaneo: facce nuove!
(laboratorio per bambini, adulti, famiglie)
L’estro creativo delle figure composte alla maniera dell’Arcimboldi di Antonio Rasio, suggerisce il divertente laboratorio che, attraverso manipolazioni del proprio autoritratto ottenute mediante particolari superfici deformanti, giunge all’assemblaggio di componenti del viso, rimontati con la tecnica del fotomontaggio, che permette di ottenere nuovi volti, nuove facce.

ore 18,30 Museo di Santa Giulia – Visita in LIS (Lingua Italiana dei Segni)
Le visite tematiche sono dedicate a gruppi di persone sorde e sordomute e vengono condotte nella Lingua dei Segni Italiana (LIS) da un informatore sordo, con funzioni di mediazione e specificamente formato sul patrimonio museale bresciano.

ore 20,30 Museo di Santa Giulia – Storia del monastero. Dalla fondazione alla soppressione
La visita speciale svela attraverso l’analisi della struttura architettonica e degli apparati decorativi, le trasformazioni storiche  e sociali  succedutesi nel monastero di San Salvatore e Santa Giulia dal tardo medioevo all’età napoleonica.
Ancora oggi, nel complesso divenuto museo, rimangono impresse sui muri e nelle decorazioni le tracce di coloro che contribuirono alla sua fondazione o che vi trascorsero parte della propria vita, suggestioni narrate nell’itinerario proposto.

Le attività sono gratuite (sino ad esaurimento dei posti disponibili).

Per informazioni e prenotazioni:
CUP – Centro Unico Prenotazioni
Museo di Santa Giulia
Tel. 030.2977834
lunedì – venerdì h. 10.00-16.00
sabato h. 10.00-13.00

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Ci sarà anche il dimezzato Assessore alla Cultura Arcai ? Oppure ci sarà Paroli, che presumibilmente ha acquisito le mezze deleghe dell’ex ? O magari Fausto Lechi, latore dell’imbarazzo di Brescia Musei ? O alla fine comparirà "Prezzemolo Rolfi", uno e trino nel crepuscolo della consigliatura ? Alla fine, il titolo della giornata poteva allora essere non già "BRSCIA APRE PER L’ARTE" bensì "BRESCIA CHIUDE PER ARTEMATICA"…

RISPONDI