Trekking urbano, un modo slow per scoprire le città tra turismo e sport

0
Bsnews whatsapp

Per chi, anche dopo le vacanze, non vuole rinunciare a momenti di attività fisica all’aria aperta, senza dover scegliere la montagna, arriva un evento che abbina lo sport alla scoperta degli angoli più suggestivi dei centri storici italiani: il Trekking Urbano. Il tradizionale appuntamento autunnale con la Giornata Nazionale dedicata al turismo sostenibile torna sabato 27 ottobre in oltre trenta città italiane, che hanno aderito alla IX edizione intitolata “Storie comuni di uomini e donne non comuni”. I Comuni che, oltre a Siena, sperimenteranno la formula autunnale del Trekking urbano sono: Amelia, Ancona, Arezzo, Ascoli Piceno, Avellino, Bari, Biella, Bologna, Brescia, Cagliari, Chieti, Cosenza, Fermo, Foggia, Forlì, Mantova, Massa, Napoli, Oristano, Padova, Pavia, Perugia, Pisa, Pistoia, Rieti, Roma, Salerno, Spoleto, Tempio Pausania, Trento, Treviso, Urbino e Venezia. Un’esperienza di viaggio sulle tracce dei tanti personaggi, reali o leggendari, che magari non trovano spazio nei libri di storia ma che hanno dato un significativo contributo alla vita della comunità, per riscoprire le proprie radici e a promuovere il peculiare vissuto del territorio.

La nuova frontiera del turismo sportivo in città. Il Trekking Urbano è uno sport dolce, adatto a tutte le età. Gli itinerari sono differenziati per lunghezza e per difficoltà, quindi possono essere percorsi sia da persone allenate che da trekker meno esperti. Il Trekking Urbano non richiede un particolare allenamento preventivo ed è ideale per essere praticato insieme da tutta la famiglia. Tra i benefici di questa nuova forma di turismo slow, che trasforma la città in una piacevole palestra a cielo aperto, c’è la tonificazione dei muscoli. I benefici del trekking per la salute sono numerosi: camminare a passo sostenuto per almeno 20 minuti consente, infatti, di bruciare circa 150 kilocalorie; di allontanare i rischi, legati a ipertensione e osteoporosi e di curare le conseguenze della vita sedentaria come stress, ansietà e depressione. Gli itinerari proposti dalle oltre trenta città che hanno aderito alla IX Giornata Nazionale del Trekking Urbano hanno una durata media che varia da una a quattro ore, consentendo a chi li percorre di bruciare da un minimo di 450 kilocalorie (percorso di un’ora) a un massimo di 1.800 kilocalorie (percorso di quattro ore) per volta. In più è un evento rivolto a tutti senza bisogno di una preparazione fisica particolare: a famiglie con bambini, a ragazzi giovani e alle persone meno allenate, insomma a tutti quelli che hanno una grande voglia di conoscere sul serio il territorio che li ospita durante le loro vacanze.

Un’attività che fa bene a corpo e mente. Il Trekking Urbano è un’utile alternativa per tenersi in forma camminando, alla scoperta delle bellezze architettoniche e culturali dei centri storici d’Italia. Si tratta di un’attività che coniuga sport, arte, gusto e voglia di scoprire gli angoli più nascosti e curiosi delle città, attraverso itinerari caratterizzati da forti dislivelli del suolo e da scalinate. Il Trekking Urbano non è solo uno sport, ma una forma di turismo sostenibile, per viaggiare o riposarsi, anche solo per un weekend, a prezzi accessibili a tutti. E’ un’attività che ha un impatto ambientale molto ridotto e che quindi si partica all’insegna del rispetto per l’ambiente. Fa bene al fisico e alla mente, ma anche alle città perché permette di decongestionare le zone attraversate dai flussi turistici più intensi, rispettando la qualità della vita dei residenti e coinvolgendoli nell’esperienza di viaggio.  

 

Cos’è il Trekking Urbano. Il trekking urbano è nato nel 2002 da una felice intuizione del Comune di Siena che, ogni anno, organizza le giornata nazionale dedicata al “turismo slow”, proponendo a cittadini e turisti percorsi pedonali urbani sulla falsariga dei trekking generalmente proposti in collina e in montagna. Dopo le prime due edizioni “casalinghe”, incoraggiata dai numeri e dall’apprezzamento di migliaia di persone, Siena ha deciso di esportare in tutta Italia il “modello” del trekking, costruendo un evento a rete che collega decine di città d’arte. La Giornata Nazionale del Trekking Urbano è oggi una manifestazione nazionale, che si realizza in oltre trenta città dello stivale e che raccoglie dalle 1.000 alle 4.000 persone per ogni centro storico, in cui sono attivi percorsi fruibili tutto l’anno.

Per informazioni sulla Giornata Nazionale del Trekking Urbano è possibile contattare il Servizio promozione turistica e sviluppo economico del Comune di Siena al numero 0577 – 292128 oppure inviare un’e-mail all’indirizzo di posta elettronica turismo@comune.siena.it. Per conoscere e scaricare gli itinerari e i percorsi, proposti dalle trenta città per sabato 27 ottobre è possibile consultare il sito www.trekkingurbano.info o seguire la pagina Facebook www.facebook.com/trekkingurbano.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

RISPONDI