Al via a Brescia la Borsa internazionale dei laghi. Peroni: un’occasione per esportare Brescia

0
Bsnews whatsapp

Si è aperta stamattina a Brescia, nei padiglioni di Brixia Expo, la sedicesima edizione della Borsa Internazionale dei Laghi d’Italia. Ad inaugurare la manifestazione l’assessore al Commercio, Turismo e Servizi della Regione Lombardia, Margherita Peroni.

OBIETTIVI PRIORITARI – "Quando ho assunto l’incarico di assessore al Turismo, pochi mesi fa – ha detto Margherita Peroni – mi sono data alcuni obiettivi prioritari: tra questi, l’internazionalizzazione delle eccellenze lombarde. Quale luogo migliore a partire dal nome, Borsa Internazionale dei Laghi, per ribadire la nostra volontà di far conoscere all’estero il nostro territorio e le nostre offerte turistiche".

PROGETTI DI ECCELLENZA – "Proprio ieri in Regione – ha continuato l’assessore Peroni – in una seduta preparatoria di Expo 2015 abbiamo convenuto che quando riusciamo a comunicare la ricchezza del nostro patrimonio naturalistico e artistico la nostra attrattività aumenta in modo considerevole. Come assessore regionale ho promosso due progetti di eccellenza che riguardano proprio il Lago di Garda e le vie d’acqua. I laghi lombardi offrono la possibilità di unire diverse tipologie di vacanza: da quella naturalistica e culturale a quella attiva per gli sportivi".

TURISMO E SPORT – "Tra le eccellenze segnalo il turismo legato al golf, con 39 campi regolamentari, e il cicloturismo con oltre 2.000 chilometri di percorsi dedicati agli appassionati delle due ruote che consentono di attraversare paesaggi di grande fascino. Ringrazio – ha concluso Margherita Peroni – gli organizzatori di questa manifestazione che promuove con pragmaticità ed efficacia la qualità dell’offerta turistica dei nostri laghi".

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Peccato che negli ultimi vent’anni anzichè rilanciare la qualità dell’offerta turistica dei nostri laghi e far conoscere il nostro territorio i politici si siano concentrati nell’offerta di cemento residenziale eslatando la vera vocazione al riguardo: affarismo, cleintele e spartizione di soldi e di potere. Vacanze naturalistiche, culturali e sportive ? Paesaggi di grande fascino ? Forse la Sog.ra Peroni ricorda con rimpianto i nostri laghi finoa agli anni ottanta…

  2. a rieccoci …le fatine fanno il giro a Brescia per dirci delle belle cosine sulle bellezze del lago di Garda…peccato che stiano facendo il giro del lago non conoscendone più i contorni, le genti che vi abitano e vivono,male ,la grande scorpacciata della cementificazione voluta da alcuni amm.ri ubriachi di oneri di urbanizzazione e compiaciuti da una Regione che nulla controlla e fa . poi paracadutare un assessore che di tutto si è occupata fuorché del turismo ,altro errore su errore…..rottamiam oli tutti

  3. Forse non conosce la Peroni, che (e lo dico da elettore non di destra)forse è uno dei pochi politici che corre in lungo e in largo per la nostra Provincia e ci mette sempre la faccia. E per inciso coasa c’è di peggio e di piu’ invasivo dalla Metro che porta la firma di un ‘Amministrazione" dellequale facevano parte i "verdi".

  4. se tu conoscessi la Peroni (…guarda un po,sembra lo slogan della birra) è colei che ha presentato…(cosi leggo) la famigerata legge Daccò sulla sanità in Regione avvallando di fatto il Celeste. Se la conoscessi bene sapresti che parlare con lei…come con altri,bisogna fare la coda… come dal Papa. Cosa vuol dire percorrere in lungo ed in largo la Provincia …fare le MM,forse ???Di gente che promette e non mantiene mai la parola ne abbiamo pieni gli scranni,informati bene caro PER …

  5. Ad elettore non di destra ma PER…piacere, se trovarsi sul territorio significa partecipare ai tagli dei nastri dei vari asili e poi darli in mano a gente incompetente che fanno buchi da migliaia di euro o ancora meglio di case di riposo ,questo è quanto fanno i nostri politici .Accontentare le bramosie dei sindaci ….e la Peroni è specializzata invece ad accontentare qualche "tonaca nera" sperando di tirarla verso di se, ma non sa che questi vanno solo dove c’è il potere, come la storia dimostra ,sperperando un patrimonio in vari rivoli di interventi. Ecco la fotografia del terzo stato .

  6. Correre in lungo e in largo la provincia è sinonimo di utilitaristico presenzialismo oppure, come dico io, di "prezzemolismo" tanto caro al maestro e mèntore della Peroni, ossia il Gianni Prandini che benevolmente definiamo simbolo della Prima Repubblica e altrettanto benevolmnete precursore della Seconda. Quanto al metterci la faccia, essendo la Peroni del PDL, non mi sembra particolarmente schierata nè in difesa del tramontante, plasticato partito berlusconiano nè del compromesso impero lombardo del Podestà ciellino. Sta forse già pensando al futuro ?

RISPONDI