Movimento 5 Stelle: da metà ottobre le candidature per le comunali

0

(a.c.) Massima trasparenza nei confronti dell’elettorato e nessun candidato imposto da altri. Saranno i cittadini stessi a scegliere, prima i 33 consiglieri, poi, tra questi, quello che correrà nella campagna elettorale per l’elezione a sindaco di Brescia.

La scadenza elettorale si avvicina e si delineano anche le metodologie di scelta per i candidati del movimento lanciato da Beppe Grillo. Nell’assemblea pubblica di venerdì, trasmessa come sempre in diretta streaming sul web (http://www.meetup.com/meetupbrescia/), è stato deciso che le "primarie" di partito saranno quelle che porteranno alla scelta dei 33 consiglieri. I cittadini potranno avanzare la propria autocandidatura a partire da metà ottobre; tutte le schede con i curriculum saranno visibili sul web, nella nuova pagina del gruppo (bresciacinquestelle.it) che verrà attivata a giorni. Gli unici vincoli che i candidati dovranno rispettare sono quelli di non essere iscritti ad alcun partito, di non avere procedimenti penali in corso e di non avere alcun rapporto affaristico con la Loggia (non essere dirigente, quadro o titolare di imprese che hanno appalti con il comune).

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Approccio assai pericoloso: questa sorta di democrazia esuberante, più "spalancata" che aperta, in presenza di regole minimaliste nell’esercizio del diritti di elettorato attivo e passivo potrebbe aprire la strada al caos, cioè all’unico rischio che in concreto non deve correre un movimento con tanti giovani e persone per bene che sta muovendo i primi passi. Penso inoltre chi vi sia un refuso: per candidarsi basta non avere procedimenti penali in corso ? Quindi un pregiudicato, magari per delitti contro la pubblica amministrazione, capace di prendere duecento preferenze, finisce a rappresentare i grillini in Consiglio Comunale ?

  2. allora ribeccati i soliti politici! per il penale leggiti il loro "non statuto". Quanta ignoranza e pregiudizio che c’è in giro!

  3. massi ormai escono questi nuovi rivoluzionari questi salvatori della patria ( a Milano non Montisola tanto per intenderci avevano candidato un ragazzo di 20 anni figurarsi che esperienza di vita poteva avere ) c’e’ da chiedersi i vecchi del M5S dove stavano quando a governare l’Italia c’era niente popodimeno che la dittatura dei DC PSI PCI : forse Grillo ? ah gia’ in quel periodo era occupato a fare il comico oltre che a fare i miliardi.

  4. Piergi ha già palesato incarichi pubblici, non so se legati alla politica o meno…. non è comunque uno sprovveduto, dovrebbe sapere benissimo come vengono fatte le liste dai partiti. Provate a chiedere un posto in lista solo presentando un curriculum, poi ridiamo insieme.

  5. E’ esattamente il mio pensiero ed è quello che ho pubblicamente fatto presente ad alcuni grillini, consigliando umilmente di associare trasparenza e prudenza, regole certe e vincoli regolamentari, democrazia interna e rigoroso controllo. Ho concluso con una battuta: se candidate trenta grillini d.o.c. ognuno dei quali prende cinque voti (giusto i parenti stretti) e tre candidati (della "vecchia guardia che mangia carne di volpe") che di preferenze ne prendono mediamente cento ciascuno, cosa succede ? I tre vanno in Consiglio sostenuti dal voto d’opinione del M5S e il giorno dopo traghettano, che ne so, nella Lista "Brescia per passione". Morale: concentrare tutti i voti M5S su tre grillini d.o.c.La politica sarà l’arte del possibile, sicuramente non dell’ingenuità.

  6. I candidati del movimento non rappresentano il movimento 5 stelle ma i cittadini. Così come saranno quelli che si candideranno. Votare un rappresentante del movimento è come votare se stessi. Non ci saranno personalizzazioni o "impronte" di qualcuno. Le decisioni saranno dei cittadini e loro ne saranno i portavoce. Capisco che sembra incredibilmente difficle capirlo. Sopratutto per chi in questo letamaio chiamato politica ci sta sguazzando con tessere e favori ricevuti. Non cercano alleanze con nessuno e non cercano visibilità con strumenti gestiti da persone di dubbia buonafede. Tutto molto semplice. O con il cambiamento, nel bene o nel male, oppure, come dice il megafono del movimento, continueremo a mantenere a vita questi signori. Approposito. In questi giorni si deve "radunare" a Bruxelles la più potente cosca mafiosa mai creata nella storia della criminalità organizzata. Il MES, ovvero una associazione di ministri del tesoro di tutti i paesi nell’area euro. Informatevi di quali strumenti si sono muniti e gioite. Tanto per iniziare sono state vietate tutte le manifestazioni di qualsiasi genere. E questo è solo l’inizio. Buona morte. Quella della democrazia ovviamente.

  7. massi per 5 anni il trend del M5S e’ in aumento poi iniziera’ a calare sopratutto quando si parlera’ di alcuni programmi come ad esempio immigrazione e criminalita’ , prima o poi dovranno pur dire come la pensano a riguardo visto che sul loro manifesto elettorale sia nazionale che locale non ne parlano proprio. La loro fortuna e’ arrivata non per capacita’ propria ma perche’ dall’altra parte stanno facendo di tutto e di piu’ per autodistruggersi/ci

  8. Vede, se dall’altra parte stanno facendo di tutto per autodistruggersi vuol dire che hanno fallito. La prova è questo governo votato da falliti. Per quanto riguarda immigrazione e criminalità può sempre partecipare alle varie riunioni che si svolgono su i temi proincipali. Anche il problema criminalità è molto sentito e preoccupa. A Roncadelle, ma non solo a Roncadele, si è tenuta una intera serata esponendo il problema della ndrangheta nella nostra città. Si raccoglievano dati e proposte proprio per capire come affrontare questa piaga. Evidentemente lei non ha mai partecipato a questi incontri e quindi, prima di arrivare a conclusioni affrettate, almeno si informi.

  9. a Brescia con tutta la criminalita’ ad opera di stranieri ( basta aprire la pagina nera per rendersi conto ) voi parlate di ndrangheta , bella li . Nel vostro programma elettorale vi rendete conto che non parlate affatto di giustizia , criminalita’ , immigrazione e udite udite LAVORO ? Temi che stanno a cuore agli italiani , specialmente il LAVORO e voi vorreste governare 60 milioni di cittadini con il NO TAV e NO INCERENITORI ? vala’ che non durate mica tanto …basta che dall’altra parte esca un vero leader ( quelli di oggi non valgono nemmeno un unghia di quelli di ieri ) per farvi tornare allo 0,08 %.

  10. si ma se volte continuare a prendere i voti dovrete pur dire cosa ne pensate dell’immigrazione continua , della criminalita’ , sul lavoro , altrimenti al 3° o al 4° giro la gente non vi votera’ piu’, come il vecchio detto potete scappare ma non potete nascondervi per sempre.Ora durante i dibattiti che si svolgeranno per le elezioni amministrative ne parlerete di questi temi o continuerete con il NO TAV ?
    Certo che questa domanda ve la dovevano fare i giornalisti durante l’ultima campagna elettorale ma non l’hanno mai fatta a nessuno del M5S..anche li non ci sono piu’ i giornalisti di una volta , ci sono rimasti i paparazzi.

  11. La questione immigrazione è un problema molto complesso. Anche all’interno del movimento ci sono punti diversi su chi e come. Fermo restando che la tendenza è quella di regolamentare cittadini immigrati seguendo delle regole e procedure che favoraiscano la loro regolarizzazione non darei per scontato che qualsiasi immigrato tenga particolarmente ad essere considerato cittadino italiano piuttosto che restare della nazionalità del paese in cui è nato. La mia personale opinione è quella di ricorrere al sistema più democratico che ritengo adottare quando le questioni non arrivano ad esere condivisi. Il referendum.

LEAVE A REPLY