In Regione si valuta l’estensione dell’area critica off-limits per i veicoli inquinanti

0

(a.c.) A pochi giorni dall’entrata in vigore del blocco semestrale (15 ottobre – 15 aprile, dalle 7.30 alle 19.30 da lunedì al venerdì) della circolazione nell’area critica A1 di tutta la Lombardia per i veicoli Euro 0 benzina e diesel, Euro 1 e 2 diesel, emerge che in Regione il confronto su una possibile estensione del divieto anche all’area A2 è già ben avviato.

La proposta arriva dall’assessore ad Ambiente, Energia e Reti Marcello Raimondi, che non si ferma all’estensione territoriale del blocco, che coinvolgerebbe la quasi la totalità dei comuni della provincia di Milano e numerosi comuni delle province di Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lodi, Lecco, Monza Brianza, Pavia e Varese, ma ipotizza una graduale estensione dei divieti anche ai veicoli Euro 3 diesel. Un provvedimento che, seppur introdotto con gradualità, rappresenterebbe un grossissimo ostacolo soprattutto per le famiglie maggiormente esposte alla crisi, e per le aziende alle prese con i chiari di luna del mercato. Raimondi, sugli Euro 3: "Non aderiamo alla proposta di bloccare i diesel Euro 3 in fasi emergenziali, perché è scientificamente provato che agire non strutturalmente non serve a nulla. Oltretutto non è un’azione politicamente sostenibile in tempi così rapidi. Vogliamo però arrivare all’indicazione di una data precisa per il loro fermo".

Ancora l’assessore, sui blocchi che partiranno lunedì, anche nell’area A1 bresciana: "Il cittadino deve essere convinto che rispettare un blocco significa far del bene. Vogliamo coinvolgere in un lavoro comune tutti coloro che hanno delle responsabilità e stiamo pensando come introdurre sistemi che siano ancora più efficaci. Anche perché, se i controlli funzionassero davvero bene, non dovremmo pensare a nuove restrizioni". 

Ricordiamo quali sono i comuni bresciani dell’area critica A1:
Borgosatollo, Botticino, Bovezzo, Brescia, Castel Mella, Castenedolo, Cellatica, Collebeato, Concesio, Flero, Gardone Valtrompia, Gussago, Lumezzane, Marchino, Nave, Rezzato, Roncadelle, San Zeno Naviglio, Sarezzo, Villa Carcina.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Raimondi dovrebbe spiegare dove il cittadino deve trovare la convinzione per fare una cosa di cui nemmeno l’assessore è lontanamente convinto.

LEAVE A REPLY