L’insolita proposta “unplugged” al Grande: The tallest man on earth

0

Il primo appuntamento della Stagione ottobre-dicembre nel Ridotto del Teatro Grande è una delle proposte “unplugged” che la Fondazione del Teatro Grande rivolge soprattutto al pubblico più giovane.

Domani, venerdì 12 ottobre alle 21.00, il cantante compositore svedese  Kristian Matsson, in arte  The Tallest Man on Earth, presenterà i suoi ultimi lavori raccolti nell’album  There’s No Leaving Now. Il suo folk, essenziale e ruvido, si ispira al leggendario Bob Dylan a cui The Tallest Man on Earth è spesso
paragonato sia per la sua abilità compositiva, sia per l’inconfondibile stile vocale.

Nato il 30 Aprile del 1983 in Svezia, a Dalarna per la precisione, cantante e compositore, dal 2006 ha realizzato due album e due EP. È conosciuto per il suo modo di registrare e produrre i propri dischi, perché lo fa in casa, in qualsiasi casa abiti in quel momento. Ha sempre affermato che la connessione tra
la sua voce e la sua chitarra è così forte che raramente le registra come tracce separate. Per quanto riguarda la sua tecnica, Matsson utilizza una varietà di accordature aperte, e sempre ad un grado minore rispetto all’accordatura standard. In gioventù ha avuto una formazione classica, ma ciò lo annoiava
perché suonava la chitarra come se studiasse la matematica, fino a quando, poco più che ventenne, ha scoperto le accordature aperte mentre ascoltava Nick Drake. È stato attratto da questo stile anche perché gli ha permesso di concentrarsi sul canto, pur eseguendo musica complessa.

Conosciuto sia dai critici che dai suoi fan per la sua carismatica presenza scenica, è sposato con la cantautrice connazionale Amanda Bergman, con la quale spesso si esibisce condividendo il palco durante le tournèe.  Negli ultimi anni ha condiviso il palcoscenico anche con Bon Iver.   
I critici l’hanno paragonato a Bob Dylan sia per l’abilità nel comporre le canzoni che per lo stile vocale; Matsson stesso ha sempre dichiarato di ispirarsi a Dylan sin dall’età di 15 anni quando iniziò ad ascoltare i suoi dischi e ad immergersi in questo mondo fatto di musica  e poesia.

There’s No Leaving Now, è un album con una composizione altrettanto dettagliata e accattivante come il suo precedente lavoro ‘The Wild Hunt’ del 2010 all’interno del quale è racchiuso il capolavoro Love is All. Se la musica di The Tallest Man on Earth è tradizionalmente incentrata sul potere della performance,  Matsson aggiunge in questo album nuovi arrangiamenti alle canzoni rivelando un carattere diverso, dando quel tocco in più che mancava alle precedenti registrazioni. Questo disco consolida l’inizio di un incredibile viaggio raccontato attraverso le storie di speranza e di sconfitta, di perdita e di amore.
Già a luglio era stato annunciato il soldout del concerto, ma la Fondazione del Teatro Grande di Brescia annuncia che da domani (11 ottobre) saranno messi in vendita i pochissimi biglietti risultanti da defezioni e annullamenti dei giorni scorsi.  

La Biglietteria del Teatro Grande è aperta dal martedì al venerdì dalle 13.30 alle 19.00 e il sabato dalle 15.30 alle 19.00. 

Comments

comments

LEAVE A REPLY