Spes at work: la Diocesi di Brescia stanzia 285mila euro per l’occupazione giovanile

0
Bsnews whatsapp

Il panorama economico e sociale scaturito dalla crisi è preoccupante, e si fa ancora più acuta l’emergenza per i giovani: non solo sono ormai più di un terzo coloro che non trovano lavoro, ma risulta essere in crescita esponenziale il numero di coloro che non si mettono neanche più a cercare lavoro e hanno rinunciato a proseguire gli studi (e tra questi anche molti laureati). Sono subentrati, sottili ma pericolosi, la sfiducia, lo scoramento, la depressione.

Il nostro mondo, ivi compresa la realtà ecclesiale, è già in moto con tradizionali ed innovative iniziative di solidarietà e molto è ancora portato avanti dalla preziosa, capillare e insostituibile realtà delle famiglie, vero e proprio pilastro silenzioso del tessuto sociale, sia pure così trascurato dalla politica e dalla cultura dominanti.

Riteniamo sia però importante lanciare un’iniziativa specifica a favore dell’occupazione giovanile, nella radicata convinzione che sia solo favorendo la loro fiducia nel futuro che sia possibile rigenerare la speranza di tutti. Un’iniziativa lanciata da alcuni promotori, ma immediatamente aperta a tutti gli apporti di coloro che vorranno unirsi nel medesimo sforzo…

Il pacchetto delle azioni previste, per un impegno complessivo di 285.000 euro, comprende:

1. Dote lavoro

Finanziamento di 100.000 euro per la copertura economica dei costi del primo periodo di lavoro di 20 giovani in accertato stato di bisogno, che verranno in tal modo coinvolti in progetti di “dote-lavoro”, presso cooperative appositamente individuate da Confcooperative nei campi dell’informatica, dell’ambiente e del risparmio energetico; 

 

2. Incubatore per impresa giovanile

Coordinamento di un progetto-pilota per favorire lo start-up di imprenditoria giovanile nei settori:

a) dell’agricoltura sociale e tutela ambientale,

b) dell’ecoturismo locale,

c) dell’artigianato,

d) dei servizi di prevenzione e cura della persona.

ponendosi l’obiettivo di far partire complessivamente entro un anno almeno 12 nuovi posti di lavoro; viene inoltre offerta in comodato gratuito l’ospitalità a detta iniziativa di una sede appositamente allestita, per un valore di 40.000 euro.

3. Anno di volontariato sociale

Finanziamento di 45.000 euro per la copertura economica di 10 nuove borse di AVS- Anno di Volontariato Sociale, presso la Caritas diocesana, per far sì che i giovani investano in solidarietà, in servizi alla persone, all’ambiente, alla occupazione giovanile nella certezza che in tal modo si cresca in umanità e si dilatino gli orizzonti, anche professionali, per il loro futuro.

4. Sostegno per le assunzioni

Finanziamento di 10 assegni di 10.000 euro ciascuno, a favore di quelle organizzazioni private e non profit, che si impegnino all’assunzione immediata di altrettanti giovani con contratti di almeno 30 ore settimanali a tempo indeterminato o di apprendistato, in qualsivoglia campo d’attività. 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Iniziativa molto più che encomiabile e prrtica: rileggetevi i punti 1,2,3 e 4 e ora pensateli finanziati non con 285.000 euro della Diocesi, ma con i 12 milioni di euro (dodici milioni di euro !!!) destinati dalla Regione Lombardia, seconda regione in Italia dopo la Sicilia, al finanziaamento e funzionamento dei Gruppi Consiliari, cioè in pratica a circa 200.000 euro in mano a ciascun politico consigliere "per mantenere il contatto tra eletto ed elettore". Basta meditare, passiamo tutti ai fatti !

RISPONDI