Via Rose: la Procura dissequestra il cantiere, ripartono i lavori

1
Bsnews whatsapp

(a.c.) Dopo il dissequestro da parte della Prucura di Brescia, avvenuto ieri, potranno presto ripartire i lavori di completamento del soprapasso di via Rose lungo la tangenziale Ovest della città.

L’assessore ai Lavori Pubblici Mario Labolani commenta con piacere la notizia, lieto di poter finalmente vedere il completamento dei lavori dopo mesi di stop forzato (leggi la notizia del secondo sequestro nel cantiere: http://www.bsnews.it/notizia.php?id=16708).

Questo uno stralcio della relazione tecnica del perito incaricato dalla Procura: «Alla luce delle risultanze analitiche si ritiene che esclusivamente a livello qualitativo sia stata rispettata la normativa in essere». Ancora: «Dall’esame dei valori riscontrati dei certificati analitici è emerso che tutti i parametri di tutti i campioni prelevati presso il cantiere rientrano nei limiti». Il prossimo appuntamento per la nuova udienza è fissato per l’8 novembre.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. CHI PAGA I DANNI DEL FERMO LAVORI??? PERCHE’ L’EX ASSESSORE BRUNELLI E LA CAPOGRUPPO IN LOGGIA DEL SEL,DONATELLA ALBINI NON HANNO FATTO DENUNCIA ALL’INIZIO DEI LAVORI QUANDO LE RUSPE MOVIMENTAVANO LA TERRA E LA GENTE AVREBBE POTUTO RESPIRARE POLVERI INQUINATE MA, LO HANNO FATTO SOLO ALLA FINE DEI LAVORI ??????? LE ELEZIONI SONO VICINE…… A VOLTE A PENSAR MALE CI SI AZZECCA. INTANTO UNA COSA E’ CERTA, A RIMETTERCI SONO SEMPRE I CITTADINI . GRAZIE DI CUORE A LOR SIGNORI.

RISPONDI