Benefit e regali ai medici in cambio di ricette gonfiate. Perquisizioni anche a Brescia

0
Bsnews whatsapp

Nas al lavoro anche a Brescia, oltre che in molte altre città italiane, per controllare che le ricette mediche prescritte da medici chirurghi di aziende ospedaliere pubbliche e private della nostra provincia corrispondano a reali patologie e non siano, invece, come sospettato, la conseguenza di benefit e regali offerti da informatori e case farmaceutiche per incrementare l’utilizzo dei propri farmaci. L’indagine, condotta dal Nas di Bologna e coordinata dalle Procure della Repubblica di Rimini e Busto Arsizio (VA), ha portato alla scoperta di una presunta e ben collaudata organizzazione che aveva come protagonisti informatori scientifici di una casa farmaceutica che avrebbero elargito regali e promesso somme extra in denaro per fare in modo che medici chirurghi incrementassero il numero delle ricette dei propri farmaci. I reati contestati vanno dall’associazione a delinquere, alla corruzione, all’istigazione, alla corruzione, alla truffa in danno del Servizio Sanitario Nazionale, dal falso al comparaggio. I medici indagati sono specialisti in nefrologia, endocrinologia e pediatria. Oggi i nas si stanno concentrando sulle ricette emesse proprio da questi ultimi.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Visto che siamo piu’ o meno in tema è stata data poco fa dai TG nazionali la notizia di una tangente di un milione di euro da parte di un industriale alla compagnia delle opere di Bergamo. Si è dimesso il presidente della Compagnia delle Opere di Bergamo. I TG fanno i nomi di Locatelli e Nicoli Cristianie e altri nomi e particolari. Una storia squallida. Questa è la Lombardia di oggi dopo anni di governo PDL/LEGA.

RISPONDI