Pisogne, un convegno sulle pitture murali del Romanino nella chiesa di Santa Maria della Neve

0

L’Assessorato al Turismo e Cultura della Provincia di Brescia è orgoglioso di annunciare che sabato 20 ottobre alle ore 16:00 presso la chiesa di Santa Maria della Neve a Pisogne, scrigno d’arte che conserva uno dei più importanti cicli di pitture murali dell’arte bresciana del ‘500, avrà luogo il convegno dal titolo “Romanino a Pisogne. Gli affreschi di Santa Maria della Neve. Passato presente e futuro”.

Coordinato dallo storico dell’arte bresciano Davide Dotti, il convegno ha l’obbiettivo di proporre al pubblico una lettura aggiornata e approfondita dei celebri affreschi dedicati agli episodi della Passione, Morte e Resurrezione di Cristo realizzati dal Romanino verso il 1534-1535, contestualizzandone l’esecuzione nel clima non solo storico-artistico, ma anche socio-politico dell’area del Sebino e della Valcamonica nella prima metà del Cinquecento. L’incontro sarà l’occasione per discutere del delicato e quanto mai attuale problema del restauro dei dipinti murali, ponendo particolare attenzione all’analisi della singolare e modernissima tecnica pittorica utilizzata dal grande maestro bresciano negli affreschi di Pisogne, caratterizzati da un linguaggio espressivo fortemente anticlassico e “sprezzante” e da un marcato interesse per l’umile e il quotidiano che suggerì a Giovanni Testori la definizione di “Cappella Sistina dei poveri”.

“Oltre agli aspetti prettamente correlati alla storia dell’arte – sottolinea l’Assessore al Turismo e alla Cultura della Provincia di Brescia, Silvia Razzi -, il convengo intende anche affrontare il tema della valorizzazione di questo straordinario patrimonio culturale intriso di forti identità territoriali tramite la creazione di una “rete degli affreschi del Romanino in valle Camonica”, istituendo un vero e proprio percorso che colleghi Santa Maria della Neve alle chiese di Santa Maria Annunciata a Bienno e di Sant’Antonio a Breno, anch’esse culla di significative testimonianze del magistero pittorico del geniale maestro bresciano.”

Relatori del convegno Romanino a Pisogne. Gli affreschi di Santa Maria della Neve. Passato presente e futuro saranno:

– Davide Dotti (Storico dell’arte, coordinatore del convegno)

Romanino e i pittori bresciani del primo Cinquecento

– Daniele Montanari (Storico, Università Cattolica Brescia)

Società e Chiesa nella Brescia di inizio Cinquecento

– Vincenzo Gheroldi (Storico dell’arte, autore del libro “Girolamo Romanino e gli homini di Pisogne”)

Romanino e il cantiere di Santa Maria della Neve

– Romeo Seccamani (Restauratore di dipinti antichi)

Conservazione e metodologia esecutiva degli affreschi del Romanino di Pisogne

– Tino Bino (Università Cattolica Brescia)

Il Romanino a Pisogne: un’identità da valorizzare

Comments

comments

LEAVE A REPLY