Maestro di giorno, ladro di tombini la notte. Nei guai 30enne bresciano

0

Di giorno faceva il maestro elementare in una scuola della Bassa. Di notte, con un complice, rubava tombini in ghisa per arrotondare. Protagonista della vicenda è un 30enne bresciano arrestato dai Carabinieri a Sirmione mentre asportava alcuni chiusini del valore di poche decine si euro. Su un furgone riconducibile all’uomo, un Doblò, i militari hanno trovato altri 24 tombini. Immediato l’arresto. I due hanno patteggiato una pena (poi sospesa) di 5 mesi.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. speriamo che venga licenziato…ah gia’ e’ dipendente pubblico , mo’ ora arriva il solito sindacato che si rivolgera’ al solito giudice del lavoro , per voi a chi dara’ ragione ?

  2. scommetto che i tondini li vendeva in nero ad un artigiano che li fondeva per 4 soldi e che non può autolicenziarsi perchè di sindacato non vuole neanche saperne.

  3. LO poteva fare perchè il lavoro che fa di giorno non è pesante, così la notte aveva le forze necessarie per un lavoro ben più….pesante! Galera, galera a vita…..e questo insegna ai nostri figli????????

  4. Difatti sicuramente era un insegnante che "lavora" 18 ore a settimana …. e quindi poco stanco da poter girare di notte a rubare tombini !!!!!

  5. Beh veramente un maestro elementare lavora 24 ore settimanali, più i colloqui individuali, la preparazione delle lezioni, e la correzione dei compiti fa: 40 ore vi sembran poche provate voi a lavorar evasor fiscal? Bando alle battute, sarebbe interessante conoscere di più la vicenda, infatti, potrebbe essere uno dei tanti lavoratori precari che arrivano a fine mese con…., mentre invece colui che fonde la ghisa incriminata ne farà molte di più in nero.

  6. Scusate, come ho fatto a dimenticare oltre alle ore citate nel precedente messaggio ho dimenticato i consigli di classe, le riunioni del collegio docenti, e le programmazioni e le riunioni straordinarie. Per cui questo, più questo, più questo, più questo, più questo, più questo……….fann o: 40 ore vi sembran poche provate voi a lavorar evasor fiscal!

  7. la mancanza di tombini e’ pericolosissimo per le biciclette e le moto ma mettendo da parte i difensori della categoria qui sotto penso che nemmeno loro abbiano alcun problema a dire che il ladro in questione vada licenziato oltre che a farsi qualche mese di galera , o no ?

  8. ma che discorsi state facendo? questo è il fatto:un mentecatto, con la patente di insegnate che ruba i tombini senza preoccuparsi di mettere a repentaglio le altre persone. Non mi importa se è precario, se ha fa 18 ore o ne fa 40, se paga le tasse o meno. E’ un ladro e inoltre mettere a rischio le altre persone. Se aveva bisogno di sbarcare il lunario poteva sempre fare come fan tanti e cercarsi un secondo lavoro, ma rubare è più comodo! Cosa può insegnare una persona del genere?

  9. Non ci sono scusanti per chi ruba. E non ci sono argomenti validi per giustificare un furto. Se non si arriva a fine mese si cercano alternative, ma che siano oneste e non tolgano dignità ai cittadini. I problemi vanno cercati nei vergognosi contratti di lavoro e di chi li sottoscrive, nei provvedimenti di un governo sostenuto da questa classe politica vomitevole. Questa è ormai una guerra tra poveri. Questo trentenne è solo una vittima di un sistema mafioso colluso con la grande finanza. Il 30enne bresciano ne pagherà certamete le conseguenze, come è giusto che sia. Ma pagherà sempre e comunque un poveraccio.

  10. Un tombino in ghisa, come quelli rubati dal giovane maestro Di mattina insegnante di sostegno di scienze motorie alle scuole elementari dell’Istituto comprensivo di Verolanuova.Il "bresciano" d’adozione, con origini calabresi, è un ragazzo di 30 anni di casa nella Bassa.
    Sta di fatto che i carabinieri della stazione di Sirmione, l’altra notte, l’hanno sorpreso in flagranza di reato con un complice, venditore ambulante di 40 anni, con precedenti penali, anche lui di origine calabrese e residente nella Bassa bresciana. Erano circa le due del mattino ecc, ecc

LEAVE A REPLY