Il nuovo movimento di Albertini pronto a correre anche per la Loggia?

0

(a.t.) Alle prossime elezioni comunali, ma non solo, potrebbe essere in campo una nuova lista. Si tratta del movimento Lombardia per le riforme, guidato Gabriele Albertini. L’ex sindaco di Milano – e possibile candidato del centrodestra alle regionali – sarà a Brescia venerdì 9 novembre, al Palazzo 900 di via Moretto, per la presentazione del libro “L’onestà in politica” di Roberto Gelmini. Con lui Giuseppe Valditara (Lombardia per le riforme), Sandro Vazzoler (Lombardia per le riforme), Gianmarco Quadrini (capogruppo Udc in Lombardia), Luca Feroldi (coordinatore provinciale Fli), Armando Montini (coordinatore provinciale Italia futura) e Pietro Sbaraini (Lombardia per le riforme). Moderati dalla giornalista del Corsera Italia Brontesi.

Il movimento – trasversale alle forze politiche – sostiene la corsa dell’ex sindaco alle regionali (l’altro nome in lizza sarebbe quello della bresciana Mariastella Gelmini) e potrebbe trovare ben presto una declinazione bresciana. Nel primo consiglio direttivo, infatti, figurano tre esponenti di spicco della Leonessa: l’ex senatore Guglielmo Castagnetti, la deputata del Fli Chiara Moroni e il leader dell’Udc Gianmarco Quadrini. Ma i veri promotori potrebbero essere altrove (domani si terrà una riunione decisiva in città): in particolare – secondo indiscrezioni – tra i sostenitori del movimento ci sarebbero già alcuni esponenti che fanno riferimento al Pdl e il nome che ricorre più frequentemente è quello del consigliere comunale Angelo Piovanelli, che oltretutto nel 2004 fu tra i pochi esponenti di Forza Italia bresciani a sostenere Albertini nella campagna elettorale per le europee. Ancora da chiarire quale possa essere lo sbocco di Lombardia per le riforme a livello locale, ma i beninformati dicono che l’intenzione dei promotori sia proprio quella di presentare una lista alle prossime comunali.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Ormai siamo al fritto misto con talmente tante specie presenti da far invidia alle trattorie di Posillipo. Un delirio di candidature, sigle, idee, ex e post di tutte le colorazioni poltiche e di ogni età. Si meritano lo tsunami che purtroppo servirà solo a mandarli tutti a godersi pensioni e vitalizi che ogni mese gli accreditiamo sul conto.

  2. i balli sono cominciati ……tutti si presentano come nuovi….tutti sono bravi e nessuno vuole pronunciare la parola rottamiamoli….dimo strando come il potere viene gestito e "pupato"anche in questa città. nessuno si ricorda più delle cose fatte in questa città e, contro questa città. ma i cittadini non hanno la memoria corta e si ricorderanno di loro nelle urne ..

  3. " nessuno si ricorda più delle cose fatte in questa città e, contro questa città. ma i cittadini non hanno la memoria corta e si ricorderanno di loro nelle urne .." ti riferisci a questa giunta o a quella dal 2003/2008 ?

LEAVE A REPLY