Con il 55% di voti contrari gli abitanti di Temù bocciano la fusione con Ponte di Legno (dove ha vinto il sì)

0

(a.c.) Il matrimonio non si farà. I cittadini di Temù hanno detto NO all’unione con il comune di Ponte di Legno. 54,94% di voti contrari, contro invece il 57,73% di persone favorevoli a Ponte.

Per mesi, quando si iniziò a parlare di fusione era più di un anno fa (leggi la news: http://www.bsnews.it/notizia.php?id=10133), i sindaci dei due comuni hanno battuto assiduamente la strada dell’unificazione. Ad architettare e promuovere l’iniziativa il presidente di Comunità montana e Bim, Corrado Tomasi, ex sindaco proprio di Temù. Le motivazioni che hanno portato al referendum erano di natura economico-amministrativa, ma anche storico-culturali visto che in origine i due comuni erano uniti. Vani gli sforzi dei due sndaci, Mario Bezzi di Ponte e Roberto Menici di Temù, che a meno di imposizioni dall’alto (Regione?) dovranno rimanere separati.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. perchè non sono stati coinvolti anche i numerosi proprietari di seconde case almeno a titolo indicativo visto che con le loro imposte contribuiscono notevolmente ai bilanci dei due comuni?

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome