Mac, la Loggia si impegna a monitorare la situazione in vista di una soluzione

0
Bsnews whatsapp

Il sindaco di Brescia Adriano Paroli e l’assessore alle Attività produttive Maurizio Margaroli hanno incontrato questo pomeriggio nella sala Giunta di Palazzo Loggia i rappresentanti dei sindacati di Fiom e delle rsu dei lavoratori della Mac, azienda attiva all’interno del sito Iveco.

L’incontro è stato richiesto direttamente dai lavoratori per capire quale soluzione può essere messa in campo, anche con l’aiuto dell’Amministrazione comunale, al fine di salvaguardare l’occupazione di 85 dipendenti della Mac in virtù dell’accordo sottoscritto nel 2009 con i vertici aziendali e sottoposto all’attenzione dell’Amministrazione comunale.

Il sindaco Paroli e l’assessore Margaroli hanno espresso l’auspicio che il tavolo aperto in Prefettura con la proprietà e i rappresentanti dell’Iveco possa fornire soluzioni adeguate per intraprendere un percorso finalizzato alla salvaguardia dell’occupazione dei lavoratori nell’ambito del sito produttivo di Brescia, anche utilizzando gli strumenti e gli ammortizzatori sociali necessari.

I rappresentanti dell’Amministrazione comunale si sono impegnati, nel rispetto del tavolo di lavoro aperto dal Prefetto, a tenere monitorata la situazione, non escludendo l’ipotesi di richiedere nei prossimi giorni anche un incontro con i rappresentanti del gruppo aziendale per offrire garanzie ai lavoratori.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Alcuni reparti dello stabilimento Iveco Brescia, furono terziarizzati nel 1999, tra cui anche il reparto si stampaggio lamiera a freddo “ reparto Presse “che fu ceduta alla ditta Mac, siglando un accordo in funzione di garantire il mantenimento di tutti gli accordi interni e salvaguardare l’occupazione in caso di riduzione del calo produttivo
    L’accord o Citava: Le parti, convengono altresì che eventuali processi di cambiamento dell’attuale assetto contrattuale che comportino tra l’altro particolari impatti occupazionali, saranno oggetto di approfondimento tra le parti per individuare idonee soluzioni non traumatiche per la risoluzione del problema (significa che si potranno usare anche ammortizzatori sociali, al fine di trovare soluzioni occupazionali, né mobilità né licenziamenti nell’ambito del sito Iveco.)
    La terziarizzazione del reparto presse è stata possibile in funzione del sopra citato accordo.
    Nel corso degli anni l’accordo del 1999 garantì l’occupazione, nel 2006 furono assorbiti dall’Iveco 100 dipendenti della Mac, in funzione dello spostamento della gamma “ S “ nello stabilimento della Mac di Chivasso, nel 2009 furono ricollocati 32 dipendenti per la cessazione dello stampaggio di lamiera a freddo.
    Ritengo opportuno che alla luce di una cessata attività della Mac, i vertici aziendali dell’Iveco non possano esimersi a ricollocare all’interno del sito Iveco tutti i lavoratori della Mac, proprio in funzione degli accordi del 1999, 2006,2009, e del 2011, come in precedenza Hanno fatto.

RISPONDI