Telefono Amico cerca persone che possano dare una mano: fra una settimana parte il corso di formazione a Brescia

0

(a.c.) Buona predisposizione all’ascolto, capacità di saper intuire i bisogni dell’altro, pazienza e gentilezza, oltre alla possibilità di mettersi a disposizione per tre turni mensili da tre ore. E’ questo tutto ciò che serve per entrare a far parte dei volontari del Telefono Amico di Brescia.

I responsabili bresciani dell’associazione stanno facendo proprio in questi giorni una campagna per raccogliere nuovi volontari. Le persone interessate saranno avviate a un corso di formazione, che inizierà martedì prossimo (sotto i dettagli per contattare i responsabili del corso).12 incontri, a cadenza settimanale, porteranno le persone che vogliono rendersi disponibili a capire come comportarsi con chi chiama (ricordiamolo: il numero è 199 284 284) ed ha bisogno di aiuto. Poi partirà un periodo di prova, durante il quale un tutor seguirà da vicino i nuovi volontari, fino a che non saranno in grado di lavorare da soli. 

Qualche numero. Le chiamate a telefono Amico nel corso del 2011 sono state addirittura 7 mila, per problemi di coppia, depressione, difficoltà di relazione o semplicemente solitudine. In media circa 20 al giorno. Circa il 70% delle chiamate – a livello nazionale – sono arrivate da uomini di età compresa tra i 36 e i 45 anni. Se la gente non esprime i propri bisogni, può essere perché non c’è nessuno disposto ad ascoltarli. Fare il volontario serve proprio per questo.

Per partecipare al corso si possono avere informazioni al 338 3536476, oppure scrivere all’indirizzo brescia@telefonoamico.it oppure ancora presentarsi al primo incontro, che si terrà alle 20.30 di martedì 13 al Centro aperto per anziani del Comune di via Franchi 8/b a Brescia. Per compartecipare alle spese del corso (gestito da associazione senza scopo di lucro) sono richiesti ai volontari 25 euro (per tutta la durata del corso).  

Comments

comments

LEAVE A REPLY