Bimbo di 17 mesi intossicato dall’hashish e imbottito di Voltaren

6

Intossicato dall’hashish e imbottito di Voltaren a soli 17 mesi di vita. Il bambino è stato ricoverato nel reparto di rianimazione pediatrica dell’ospedale Civile di Brescia una sera dello scorso mese accompagnato da un giovane brasiliano che all’inizio si è qualificato come il padre del bambino per poi ritrattare e ammettere che in realtà era solo un amico della madre, marocchina, a cui aveva affittato una stanza nel suo appartamento. Sollecitati dai pediatri gli uomini della Questura hanno cercato di indagare scoprendo che il bambino è figlio di due cittadini marocchini e che la mamma si era allontanata da casa per lavoro lasciandolo alle cure del coinquilino brasiliano. Arrivato in iospedale il bimbo presentava sonnolenza ingiustificata e vomito. Ai militari è bastato fare qualche indagine in più per scoprire che la madre 38enne in realtà conviveva con un nuovo compagno, anche lui di origine marocchina (ubriaco al momento dell’arrivo delle forze dell’ordine), mentre il padre naturale del bimbo era già rimpatriato nella sua terra d’origine. Dopo qualche domanda i militari hanno scoperto che la sera precedente il ricovero i tre coinquilini avevano fumato hashish per ore e non si erano premurati di aprire le finestre nonostante nella stanza ci fosse anche il piccolo di 17 mesi. Per fortuna le condizioni di salute del bambino sono migliorate, è stato disintossicato e affidato ai Servizi sociali in attesa che la Procura dei Minori assuma provvedimenti a sua tutela. Quanto ai tre stranieri, la madre del bimbo, il compagno e il coinquilino brasiliano, sono stati indagati a piede libero con l’accusa di lesioni nei confronti del bambino.

Comments

comments

6 COMMENTS

  1. ..in altri tempi ai bambini si cantava la ninna nanna…ninnananna ninnaoooo questo bimbo a chi lo do….l’unica colpa di questo piccoletto è di essere nato lì per sua grande sfortuna…. accudito, per modo di dire, da una madre balorda e dai suoi degni compari di merende…
    forse affidandolo ad una famiglia VERA, questo piccoletto potrà avere un futuro meno triste e già segnato purtroppo….

LEAVE A REPLY