Chiusi due “centri massaggi” a Ghedi e Bagnolo Mella

0

Chiusi e messi sotto sequestro due centri massaggi a Ghedi e Bagnolo Mella ad opera della polizia giudiziaria. Tre le persone denunciate per sfruttamento della prostituzione, una donna cinese di 26 anni titolare del centro di Ghedi e una coppia di marito e moglie di 29 e 30 anni, titolari del centro di Bagnolo Mella.

Gli uomini della polizia giudiziaria hanno perquisito i locali recuperando centinaia di profilattici, banconote di piccolo taglio e ricevute che testimoniano movimenti di denaro verso la Cina per migliaia di euro. Sul lettino del centro massaggi di Bagnolo Mella i militari hanno trovato la figlia di 5 anni dei titolari mentre dormiva.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Anziche andare sempre a controllare chi lavora e paga le tasse onestamente aditandoli le più volte di evasione, controlliamo tutti questi centri massaggi, spesso e volentieri centri di sfruttamento della prostituzione!!! E che non si dica che chi lavora in questi centri non sà di esercitare irregolarmente questa professione!!!Contro lliamoli non solo sul profilo fiscale ma anche per quanto riguarda l’igiene, quindi che controllino di più anche ASL e NAS…
    Chi ha un bar o un negozio dove vende generi alimentari lo sa…controlli su controlli. Giusto che sia così, ci mancherebbe ma che si faccia a tutte indistintamente le attività sia nostre che straniere. Tutto questo per il bene della salute di tutti noi.

  2. … magari i primi ad entrarci per farsi " massaggiare " erano proprio quelli che fuori protestano contro l’invasione cinese …

LEAVE A REPLY