Niente uffici e residenziale: la vecchia Poliambulanza trasformata in una casa di riposo

2

(a.c.) Chiusa ormai dal 1997, nelle ipotesi della proproetà sarebbe dovuta diventare un centro misto di residenziale e direzionale, appartamenti e uffici. Un cambio radicale di prospettiva, in un certo senso un ritorno al passato, invece la trasformerà in casa di riposo.

Il Gruppo Lonati, che controlla l’immobiliare Morgante, si occuperà del recupero dell’edificio; la struttura sanitaria sarà gestita in collaborazione dalla cooperativa "Il Gabbiano" di Pontevico e da un operatore francese del settore.

Il nuovo progetto di riqualificazione verrà presentato entro fine mese in comune. La nuova società creata ad hoc avrebbe già ottenuto dalla Regione l’accreditamento al Servizio Sanitario. Oltre ai reparti per la degenza assistita degli anziani non è escluso che nella struttura trovino spazio appartamenti per ospitare nuclei familiari in difficoltà. 

Comments

comments

2 COMMENTS

  1. Accreditamento dalla Regione al servizio sanitario: un presupposto inderogabile: siamo in Lombardia e la cosidetta eccellenza non riguarda la sanità in generale, ma i bilanci delle strutture private, che hanno realizzato negli ultimi anni profitti a valangate lasciando preferibilmente alla sanità pubblica le prestazioni meno remunerative per i maggior costi in tecnologie, risorse umane ed organizzazione. Case di riposo ? Anche queste rientrano nel business lombardo e l’ex Poliambulanza la chiamerei non a caso "Villa del Celeste" in ricordo dell’irripetibile era formigoniana.

  2. Io non voglio fare il "sapientone", la mia professione è quella di rilevare errori o refusi. Non capisco la cancellazione, e mi stupisco del vostro atteggiamento… un pochino di umiltà in questi casi vale molto di più!!!!! Comunque fate voi….

LEAVE A REPLY