Canton Mombello, il Comitato invia un esposto a sindaco e Asl

0
Bsnews whatsapp

Sono mesi che il Comitato per la chiusura del carcere lager di Canton Mombello lamenta le (pessime) condizioni in cui vivono i detenuti. Meno di un metro quadrato a testa, condizioni igieniche tanto precarie da provocare l’arrivo di scarafaggi e topi e alta concentrazione di virus: sono queste le condizioni in cui si vive a Canton Mombello. Per provare, ancora una volta ad invertire questa situazione di profondo degrado il Comitato ora ha tentato la carta dell’esposto al sindaco e all’Asl di Brescia. “E’ il primo cittadino ad essere responsabile della condizione sanitaria locale ed è il comune che deve rilasciare il certificato di agibilità e abitabilità di ogni struttura della città”, dichiara Attilio Zimelli sulle pagine del Corsera Brescia. Il Comitato richiama quindi alla necessità di un percorso rieducativo che preveda pene alternative alla detenzione e si chiede: “Durante i controlli semestrali, l’Asl verifica davvero l’adeguatezza della struttura?”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. ma ste gentel,lo sa perchè sono in carcere?non sicuramente perchè si sono comportati bene,anzi ne avranno combinate di tutti i colori prima di entrarci,e questi stanno qui a pensare a come sono ridotti in carcere??poverini… .i delinquenti devono avere paura di entrarci,stare male li dentro,cosi magari ci ripenseranno prima di commettere di nuovo cazzate….

RISPONDI