Sono 3 i gruppi animalisti contro il circo a San Polo, ieri la protesta di “Diritto alla vita”

0

(a.c.) Venerdì scorso hanno iniziato gli attivisti del "Gruppo antispecista". Ieri è stata la volta di quelli di "Diritto alla vita" e sabato prossimo toccherà alla Lav. Sono addirittura tre le associazioni a tutela degli animali che si stanno alternando nella protesta contro la presenza del circo Medrano nell’area luna park della Volta.

"Diritto alla vita" è un’associazione nata da poco più di un mese, sulla scia delle proteste animaliste nei confronti di Green Hill. Si tratta di un gruppo di persone molto determinate e compatte, come si è visto ieri all’esterno del circo Medrano. Con cartelli e manifesti, slogan gridati con il megafono e il contatto diretto degli spettatori intenzionati ad entrare nel circo, gli attivisti tentavano di far capire che gli animali sono impiegati contro la loro voglia, e sono costretti anche tramite violenze ad eseguire esercizi per loro innaturali.  

Gli attivisti avrebbero anche desiderato che il sindaco Paroli emettesse un’ordinanza contro l’utilizzo di animali esotici all’interno di spettacoli organizzati in città. 

La replica dei responsabili della famiglia di circensi non si è fatta attendere; Bresciaoggi riporta stamane il commento del direttore del circo, Brian Casartelli: «Gli animali sono controllati dai veterinari e dalle guardie zoofile: per ottenere le autorizzazioni devono essere in buona salute, e sono visitati fino al giorno prima dello spettacolo. Se fossero maltrattati, non potremmo esibirci. Il circo è una grande famiglia, e gli animali ne fanno parte. Vivono con noi 24 ore su 24, e se il lavoro non va bene ci togliamo la paga per dar loro da mangiare».

Comments

comments

LEAVE A REPLY