Eco-Logis, in centro sono arrivati tre mezzi ecologici per la consegna della merce

0

(a. tonizzo) Un passo per decongestionare il traffico cittadino ed abbattere l’inquinamento atmosferico del centro storico. Queste le mire del servizio sperimentale di distribuzione urbana delle merci nel cuore di Brescia, l’“ultimo miglio elettrico” che da oggi ha raggiunto i punti di distribuzione della Ztl urbana. Alla sede Coin di Brescia in corso Magenta 2, angolo San Martino della Battaglia, ha avuto luogo stamattina la “consegna-zero” da parte dei mezzi eco-Logis a Brescia. All’incontro erano presenti il vicesindaco Fabio Rolfi, Valerio Prignachi, presidente Brescia Mobilità spa, Paolo Valerio, presidente di Omb International srl, Giovanni Pace, capo area Coin, Daniele Castelli, direttore Coin di Brescia e Massimo Tacconi, del consorzio Brescia Mercati. Il servizio dedicato agli operatori del trasporto merci per conto terzi in città, dopo questa prima prova, verrà esteso anche al resto del territorio urbano e si compone di tre mezzi ad alimentazione elettrica con volume da 5 a 15 mq e portata da 700 a 900 chili. La distribuzione delle merci, in questo modo, avverrà 24 ore su 24, avvalendosi di una piattaforma logistica di circa 480 mq (sita all’ortomercato) e di un deposito con buche di carico. I vantaggi diretti per i commercianti si tradurranno nel ritiro gratuito dei cartoni, nella pianificazione delle consegne con minori disagi in prossimità della propria attività. La tecnologia di eco logis, inoltre, permetterà la consultazione della tracciabilità delle spedizioni in tempo reale, via web. La tariffa base del servizio corrisponde a 5.00 euro al quintale per le spedizioni fino a 0,5 mq, con un minimo tassabile di 50 chili. “Le consegne giornaliere nei negozi di Brescia – ha commentato Rolfi – sono in media 450: un dato che ci fa capire quanto la nostra città guadagnerà in termini di vivibilità e qualità ambientale. Questo è un altro tassello con il quale continuiamo a costruire una città moderna ed europea come merita di essere, sempre più, Brescia”.

Comments

comments

LEAVE A REPLY