Dall’ex hotel Sirio, gli occupanti annunciano: “Domani in corteo”

0
Bsnews whatsapp

Mentre continua senza sosta l’occupazione dell’ex hotel Sirio, si annuncia una manifestazione per domani, sabato 17 novembre alle 16 in Piazza Loggia. Le realtà attive nell’occupazione scendono in corteo – aderisce anche la confederazione Cobas – in segno di protesta per gli scontri dei giorni scorsi, per il lavoro precario e per gli sfratti che stanno interessando la città da mesi.

Di seguito il comunicato integrale

"Dopo e nonostante le cariche violente e le menzogne della questura di Brescia per coprire il proprio operato repressivo e gratuito ai danni del corteo autonomo che si è preso la città nel giorno dello sciopero generale europeo. Nonostante le minacce, le manganellate a giovani e giovanissimi, le ferite, le botte inferte dalle forze dell’ordine. Nonostante in molte città italiane il potere costituito abbia risposto alle lotte sociali ed ai movimenti di massa con cariche, pestaggi ed arresti. Dopo essersi riappropriato di uno spazio, l’ex-hotel Sirio di via Capriolo, inattivo da ben 8 anni, per farne un centro per l’emergenza abitativa, per ribadire, dopo due anni di picchetti anti-sfratto da parte delle lotte per il diritto alla casa in città, che non ci devono essere case senza persone e persone senza casa. Dopo aver tolto dalla polvere un edificio, restituendolo a tutti quei soggetti sociali che sono colpiti dalla crisi e dalle misure di austerity, di un sistema economico e politico che ci chiede sacrifici su sacrifici utilizzando la mannaia della crisi. Dopo una grande giornata di mobilitazione transnazionale contro le politiche di gestione neoliberista della crisi, contro le misure di austerità imposte dalle governance e dalle istituzioni finanziarie, contro un esistente che antepone i profitti alle vite delle persone. Di fronte al sempre più violento attacco alle condizioni di vita di precari, studenti, lavoratori, disoccupati, migranti… per salvare governi, banche e banchieri. Di fronte all’attacco ai diritti, ai tagli, alle politiche fatte di sacrifici e rigore del governo Monti. Con la consapevolezza del rischio sgombero e di altre minacce, ma sempre senza alcun timore, forti e convinti delle proprie ragioni e delle proprie idee solidali e resistenti… Con la promessa di dare battaglia, colpo su colpo, a chi vuole gestire  le nostre esistenze per i propri profitti e per i propri affari sporchi… A Brescia studenti, precari, lavoratori, disoccupati, sfrattati… rilanciano e continuano la lotta per il proprio presente e futuro!"

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Superior stabat lupus: Ci sarà pure, forse, almeno uno studente, tra tutti costoro che sia in grado di tradurre questa banalissima frase. Non ce la date a bere.

  2. ………..e più in basso l’utile beota, verrebbe da rispondere a chi si erge a maldestro paladino del perbenismo, pronto poi a trasformarsi in prepotente arroganza quando i suoi interessi borghesi si sentono messi in gioco. Vieni giù tu dal fico e scopri le tue carte senza nasconderti dietre alle 3 uniche parole di latino che ancora ti ricordi!

RISPONDI