La chiesa di San Faustino e Giovita risorge dai danni della talpa

0

E’ stata chiusa per due mesi e ora finalmente riapre.  La chiesa di San Faustino e Giovita aveva  temuto per la sua tenuta quando, nel 2008, la talpa della metropolitana le era passata sotto. Crepe nei muri, leggero sprofondamento, un taglio netto dell’edificio: un danno da 275mila euro che viene riconosciuto alla parrocchia dalla Astaldi che, lavorando sotto terra, è assicurata per casi del genere. Il progetto, scrive il Giornale di Brescia, ha previsto catene lungo la facciata e alle due pareti laterali all’altezza dei cornicioni, e tiranti in acciaio che leghino la volta alla parete laterale. Anche gli affreschi erano da ripristinare dove la struttura si è divisa. Ora il peggio sembra passato, anche se ancora nessuno può che dire con certezza se il passaggio dei treni avrà cattivi effetti. 

Comments

comments

LEAVE A REPLY