Controlli straordinari della Locale nella zona della Ferrovia, Rolfi: “La riqualificazione passa attraverso la sicurezza”

8

Sono stati 18 gli agenti della Polizia locale di Brescia che, affiancati da 6 ispettori dell’INPS e da 2 commissari aggiunti, hanno preso parte venerdì scorso a una maxi operazione di presidio avvenuta nella zona della stazione ferroviaria. L’azione coordinata ha inizialmente portato a controllare tre appartamenti: il primo, in vicolo della Stazione è risultato occupato da prostitute clandestine che sono state accompagnate al Comando per l’identificazione; gli altri due, uno in via Togni e uno in viale Stazione, sono risultati gravemente sovraffollati. Per tutti e tre gli immobili è stato richiesto il sequestro preventivo all’Autorità giudiziaria. Sono stati inoltre sequestrati capi d’abbigliamento contraffatti a un cittadino senegalese, che è stato poi denunciato a piede libero. Durante i controlli sono stati sequestrati anche due documenti d’identità falsi a cittadini stranieri, mentre un altro cittadino straniero è stato denunciato per violenza e resistenze a pubblico ufficiale. Nei pressi della cabina elettrica di via Togni sono stati inoltre identificati 4 tossicodipendenti e nei prossimi giorni verrà formalizzata la richiesta ad A2A, proprietaria della struttura, per la chiusura totale degli accessi. I veicoli controllati sono stati 75, con 20 verbali elevati per violazioni varie al Codice della strada e il sequestro di 2 veicoli. La Polizia commerciale ha elevato altri 8 verbali per irregolarità di vario genere, mentre il personale INPS ha provveduto a controllare 11 attività commerciali e artigianali: in 8 di queste sono state riscontrate delle irregolarità nei pagamenti e l’ente procederà a un recupero contributivo. Sono stati trovati inoltre 13 lavoratori che operavano senza contratto e sono state comminate sanzioni amministrative corrispondenti a un totale di 12.000€.

“I numeri e i risultati di questa operazione ne certificano l’importanza e l’utilità – ha dichiarato il vicesindaco e assessore alla Sicurezza del Comune di Brescia Fabio Rolfi – La zona della stazione ferroviaria è al centro di un importante piano di recupero voluto fortemente da questa amministrazione. Si tratta di un progetto di valorizzazione che passa necessariamente da una maggiore sicurezza, sia reale che percepita, garantita su tutta la zona. Abbiamo provveduto ad aprire un distaccamento della Polizia locale, ad aumentare in maniera efficiente l’illuminazione del piazzale, a mettere in sicurezza i passaggi pedonali, a installare nuovi importanti impianti di videosorveglianza e a fornire nuove strumentazioni alla Polizia ferroviaria. Tutte iniziative importanti che devono essere accompagnate da un costante presidio del territorio. Operazioni di questa portata rappresentano segnali forte per tutta la città e verranno ripetute a breve anche in altre zone di Brescia”.

Comments

comments

8 COMMENTS

  1. rufus…..ti hanno appena tirato le orecchie quelli di bs sud(dalmazia parco gallo eccecc)e tu snoccioli subito cifre nella (solita) zona stazione!!!!e il resto della città???

  2. Noo si fa a tempo ad evocare le conferenze stampa, che il vicesindaco ne fa una per affermare che tutto è sotto controllo. In conferenza stampa, appunto.

  3. é iniziata la campagna elettorale. se fossero state mantenute le promesse della campagna elettorale precedente tutto andrebbe bene intorno alla stazione. invece é uno schifo.

  4. per risolvere il problema sicurezza basta che il comune compri la stazione a prezzo "giusto" (e tutti gli immobili che creano problemi) e ci faccia discount di prodotti tipici…ma ndì a scuà el mar!

LEAVE A REPLY