“Il disagio del diritto”. L’appuntamento è per giovedì 29 alla Loggetta

5
Bsnews whatsapp

"Il disagio del diritto”. E’ questo il titolo dell’iniziativa che si terrà giovedì 29, dalle 17, nella sala Loggetta di Piazza Loggia 5. L’evento è promosso da Città & Dintorni e da Fondazione Etica. Ad aprire i lavori saranno il presidente di Fondazione Etica Gregorio Gitti e il professor Aurelio Gentili. Quindi si terrà una tavola rotonda con Barbara Randazzo (La laicità dello Stato alla prova della “società plurale”), Fabio Basile (Le culture e il diritto penale) e Daniele Maffeis (Le qualità personali e il diritto civile). Le considerazioni conclusive saranno invece affidate all’insigne costituzionalista Valerio Onida. Mentre a moderare il dibattito sarà il direttore del dorso bresciano del Corriere della sera Massimo Tedeschi. Per ulteriori informazioni sull’iniziativa è possibile chiamare il numero 030.2408120 o visitare il sito www.fondazionetica.it.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

5 COMMENTI

  1. "Il disagio del diritto": sarebbe interessante che proprio il Presidente della Fondazioe Etica, Prof.Gregorio Gitti, intrattenesse sul tema i presenti e partecipanti con riferimento all’adozione del sistema duale in A2A ed in Ubi Banca. Della serie: quando il diritto..fa andare tutto storto, creando il massimo disagio economico.

  2. Non penso che la questione sia dopo quanti anni riconoscere la cittadinanza… ma a chi: quali sono cioè i requisiti per ottenere la cittadinanza? Ritengo che il fattore tempo sia deviante: conosco immigrati perfettamente integrati dopo pochi mesi dal loro arrivo in Italia. Altri che, dopo 10 anni di permanenza faticano a utilizzare la nostra lingua. Prendiamo l’esempio dall’Australia (favorita ovviamente dalla difficile accessibilità fisica): hai un lavoro che riteniamo in questo periodo utile? Ti aspettiamo! Hai le risorse economiche per mantenenti nel nostro Paese? Ti aspettiamo! Dimostri in ogni caso di conoscere bene la nostra lingua? Ottimo… Altrimenti stai dove sei! Eccessivamente rigidi. Forse… però non è un caso se tra le 10 città più vivibili al mondo, 5 sono australiane, 😉

  3. Stimo Onida e ho studiato Diritto Costituzionale con il suo libro, ma credo sempre che simili iniziative debbano avere uno sbocco politico o non servono a niente. Il diritto da solo è una forma di autocompiacimento.

RISPONDI