Acquisti scontati a chilometro zero nei comuni di Botticino, Mazzano, Rezzato e Serle: si paga in “marmette”

0

“100 euro per te da spendere nei negozi del distretto”. Questo è il nome dato all’iniziativa promossa dal Distretto del Commercio della Via del Marmo che comprende i Comuni di Botticino, Mazzano, Rezzato e Serle. La finalità del progetto che il Distretto intende mettere in campo è quello di incentivare i cittadini a fare i propri acquisti nei negozi di vicinato dai quattro comuni del distretto per promuovere il rilancio del commercio di vicinato ed il recupero e la rivitalizzazione dei centri storici. Il progetto prevede la stampa di “Marmette” sottoforma di banconote dal valore di 1, 5 e 10 euro di buono sconto. Gli oltre 130 negozi, bar, ristoranti, attività professionali, palestre, centri estetici, oreficerie, che aderiranno all’iniziativa riconosceranno ai propri clienti un buono sconto del 10% al raggiungimento di un valore di spesa pari a 10 euro o multipli. Le “marmette” sono in distribuzione, casa per casa, ai cittadini residenti nei 4 Comuni aderenti al Distretto, e saranno spendibili negli esercizi commerciali aderenti al circuito dal 3 dicembre al 6 gennaio 2013. Sono state stampate e distribuite 20.000 marmette per un valore di buoni sconto pari a 2.000.000 di euro.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Se le 20.000 "marmette" fossero tutte del taglio massimo, cioè da 10 euro, darebbero un totale di sconti pari 200.000 euro. Considerato che i tagli sono da 1, da 5 e da 10 euro, il valore degli sconti riconosciuti è inferiore a 200.000 euro; altro che 2.000.000!

  2. Mi scusi ma siccome la matematica non è un opinione, a ciascuna famiglia sarà consegnato un foglio contenente "marmette" per un valore complessivo di buoni sconto pari a 100€ per cui essendone state distribuite 20.000, il valore di buoni sconto complessivo è proprio pari a 2.000.000 di €. Signor QuaQua lei si è meritato un bel 4 nel compito in classe di matematica. Rimandato a Settembre

  3. Io, a suo dire, andrò a settembre in matematica. Se così sarà ci troverò lei, rimandato in italiano per mancata comprensione del testo. Si rilegga il comunicato e mi dica da dove scaturiscono i suoi calcoli, senza libere interpretazioni, bensì attenendosi a ciò che è detto. Al mio paesello sono scarsi in matematica, ma c’è chi non brilla nemmeno per l’italiano. La porti un bacione a… Rezzato.

  4. Signor Qua Qua, bastava fare 2.000.000/20.000 per capire (non ci vuole un genio) che ogni marmetta ha un valore di 100€, che poi i tagli siano da 1, 5, 10 € non è così rilevante, ma come al solito dobbiamo dare sfogo alla nostra libera interpretazione

  5. Marmette sotto forma di banconote. Cioè marmette uguale a banconote. 20.000 marmette = 20.000 banconote.
    Tagli fino a 10 euro, come massimo. Totale 200.000 euro. Peraltro se gli sconti fossero per un totale di 2.000.000,essendo pari al 10% del valore dell’acquisto, significherebbe che sono previsti acquisti per 20.000.000 di euro, vale a dire 40 miliardi di vecchie lire. Se ci volesse un genio, non sarebbe lei, che si esprime con tanto garbo.

  6. Da sito del Distretto del Commercio della via del marmo:
    "..Le “marmette” sono in distribuzione, casa per casa, ai cittadini residenti nei 4 Comuni aderenti al Distretto, saranno spendibili negli esercizi commerciali aderenti al circuito nel periodo dal 03/12/2012 al 06/01/2013. Ciascun foglio che sarà consegnato alle famiglie contiene “marmette” per un valore complessivo pari a 100 €.

    Sono state stampate e distribuite 20.000 marmette per un valore di buoni sconto pari a 2.000.000 di € …"

    Così dovrebbe essere più chiaro e risolvere sia i problemi matematici sia quelli di sintassi.
    Buona spesa a tutti nei negozi del Distretto del Commercio della Via del Marmo

LEAVE A REPLY