Fenomeno bracconaggio: nel bresciano ancora molto presente

0

I volontari della Lac, in collaborazione con il Cabs (Committee against bird slaughter) hanno sequestrato 1675 tagliole e 110 reti nelle valli bresciane che venivano utilizzate per gravi operazioni di bracconaggio su specie protette. La Lac, come scrive il Corriere, accusa le istituzioni del mancato intervento a Capovalle, dove nel roccolo di Monte Manos, viene promossa la "festa della Madonna del bracconiere". 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. nelle città aumentano i furtarelli ai super per necessità,..nelle valli si arrangiano diversamente!!invece di rubare un pacchetto di bistecche,mettono 5 uccellini nel (padilì col boter e salvia)!!!!

  2. Girando per i boschi vedere un animale e’ ormai un colpo di fortuna; al massimo capita di incontrare un fagiano rimbambito appena mollato per essere sparato dopo pochi giorni.
    Ma perchè insistere ancora ad ammazzare per "sport" tutto cio’ che si muove e che è patrimonio di tutti e non solo di chi si "diverte in modo sano ed ambientalista" a riempire di piombo l’ambiente ?
    Rivoglio un ambiente naturale "vivo" ed integro .

  3. dipende in che boschi vai,e che animali vorresti vedere????OPPURE VORRESTI TROVARTI A 4OCCHI CON QUALCHE CINGHIALONA????(GRAN DE ESPERIMENTO DEGLI AMBIENTALISTI….I CINGHIALI!!!)

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome