Federconsumatori Brescia: “Imu, oltre al caos e alle ingiustizie si aggiunge la presa in giro”

0
Bsnews whatsapp

Federconsumatori Brescia tuona contro i comuni, sostenendo che l’Imu, tassa relativamente nuova della quale i cittadini conoscono ancora poco, vada resa chiara nelle sue modalità di pagamento e negli importi. L’Associazione chiede ai comuni che, nella confusione generale, si impegnino a "spedire almeno a casa il bollettino e/o il modulo già compilato, riportando l’importo da pagare. In alternativa di comunicare con lettera la cifra dell’imposta da pagare". Questo per evitare confusioni e sbagli.

DI SEGUITO LA NOTA INTEGRALE

"La famosa IMU che avrebbe dovuto essere applicata solo dopo la riforma del catasto per rendere equi ed aggiornati i valori immobiliari, per evitare ingiustizie territoriali; che avrebbe dovuto lasciare tutto il gettito ai Comuni, in sostituzione di altri trasferimenti dallo Stato; che avrebbe dovuto differenziare fortemente le aliquote per considerare le diverse situazioni dei cittadini (prima casa unica, più immobili posseduti, immobili locati in modo agevolato piuttosto che in forma libera, concessioni gratuite, ecc ecc); dovrebbe almeno essere incassata consentendo ai cittadini di non ammattire nella confusione generale per delibere comunali ritardate, deduzioni incomprensibili, codici introvabili.

FEDERCONSUMATORI DI BRESCIA RIBADISCE DI spedire almeno a casa il bollettino e/o il modulo già compilato, riportando l’importo da pagare. In alternativa di comunicare con lettera la cifra dell’imposta da pagare.

I Comuni hanno già tutti i dati immobiliari dei loro concittadini; i cambiamenti nelle proprietà immobiliari, avvenuti da luglio ad oggi, sono esigui. Con la spedizione dei moduli a casa si fa un servizio reale ai cittadini in una situazione di esasperanti difficoltà. E’ così difficile da attuare? Oppure è solo questione, come crediamo, di volontà e di sensibilità?"

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI