Primarie Pd: ultimo giorno per fare richiesta di voto. A Brescia molte “giustificazioni” respinte

0
Bsnews whatsapp

La seconda ondata di partecipanti alle primarie del Pd sembra in parte arrestarsi a causa delle famigerate "giustificazioni". Il comitato bresciano, scrive il Bresciaoggi, ha annunciato che sono state accettate 28 documentazioni. Verranno chieste specifiche su 30, mentre i rifiuti sono difficili da quantificare. Oggi è l’ultimo giorno per avviare le procedure per poter votare domenica. Entro sabato si verrà informati sull’accettazione o meno e sul seggio dove recarsi: bisogna essere muniti di documento di validità e copia della email (o del fax di risposta) ricevuti. A Brescia è la sede di via Risorgimento che vaglia le domande: gli organizzatori delle primarie hanno annunciato che chi vuole iscriversi può mandare un fax allo 030315407 o una mail a brescia@primarieitaliabenecomune.it giustificando la sua mancata registrazione precedente, oppure presentarsi direttamente in sede. 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Le regole valgono per tutti e due. Se per registrarmi devo portare più documenti che a un processo e se le delibere interpretano il regolamento neanche fossimo in un regime la questione si riassume tutta con la parola PAURA

  2. Le regole valgono per tutti e due. Se per registrarmi devo portare più documenti che a un processo e se le delibere interpretano il regolamento neanche fossimo in un regime la questione si riassume tutta con la parola PAURA

  3. Ci sono stati 20 giorni per registrarsi, si poteva farlo online, chi si trovava fuori sede poteva comunque votare… sono poche le persone che hanno avuto un buon motivo per nonregistrarsi prima… le altre sono solo "interessate".
    Comunque le regole sono valide per tutti e nessuno chiede "chi voti" prima di registrarti, perciò non capisco l’accanimento dei renziani…

  4. Vogliono governare il paese, ma si stanno scannando tra di loro da due mesi. Burocrati e causidici fino allo stremo. Guai a noi se questi vincono: ci piazzan lì una burocrazia due volte più forte.

  5. Per quello del"siamo alle solite": forse il dibattito all’interno del centrosinistra è troppo accentuato ma,se guardo a quanto è successo negli ultimi anni,è meglio che si discuta e si decida per il meglio ora per poi non avere più dubbi sulla migliore strategia da applicare per governare nel modo più efficace questa nostra Italia. E poi se ripenso al centrodestra:mi indigna ancora la spensieratezza con cui i berluscones ed alleati votavano compatti per la guerra in Irak(salvo poi versare lacrimucce sulle note di..eravamo in 19,tutti quanti a Nassirya….),oppure la mancanza di un minimo dubbio e di dignità nel votare che Ruby era la nipote di Mubarak.Molto meglio le differenze e divisioni preventive di questo centrosinistra

RISPONDI