In provincia sono 28 (su 5mila) i ritardatari ammessi al ballottaggio finale delle primarie

0
Bsnews whatsapp

(a.c.) A fronte di circa 5mila email di bresciani desiderosi di partecipare alla consultazione finale per la scelta del candidato premier del Partito Democratico pur non avendo votato al primo turno assieme ad altri 53.214 elettori, sono state 28 le giustifiche accettate. Altre 30 sono le giustificazioni «sub judice». 

Se dovessero essere accettate tutte, la percentuale di giustificazioni ammesse sarebbe un misero 1,16%. Inutile dire che i comitati a favore di Matteo Renzi "rosicano", nella convinzione che buona parte degli assenti al primo turno si sarebbe iscritta per scegliere il sindaco di Firenze.

In tutta la Lombardia domani i 1.508 seggi saranno aperti dalle 8 alle 20. 190 i seggi bresciani. Ricordiamo le percentuali dei due candidati al primo turno: Bersani 40,86%, Renzi 39,28%.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. le regole sono le regole e non si possono cambiare durante la gara. i 5mila ritardatari dovevano svegliarsi prima. conosco tante persone che vorrebbero votare adesso e non sono renziani.

  2. Se ci sono le elezioni del sincaco di una città, ad esempio Brescia, se una persona non va a votare al primo turno, non le viene chiesta nessuna giustificazione, e men che meno, le viene impedito di votare al ballottaggio. Nel caso delle primarie del PD, al contrario, hanno inventato un marchingegno burocratico per predeterminare il risultato. Perdippiù ci stanno propinando da mesi la favoletta per cui loro sono i veri democratici. Democratici che si inventano sofismi per impedire il diritto di voto! Sono rimasti i comunisti trinariciuti di Guareschi?

  3. Non cambiano le leggi elettorali all’interno del partito ma accettano tranquillament di cambiare le leggi elettorali politiche nazionali per il 2013. Vedo Bersani e vado in bagno. Ho un conato di vomito.

  4. che criticano le primarie del CS. ma perché non vi fate le vostre? ah giá; perché Lui non vuole e allora venite a sfogarvi da noi? ma statevene a casa vostra !!!

  5. Sarebbe interessante sapere quali sono le giustificazioni di chi non ha potuto votare al primo turno:quante nonne ammalate,quante prime comunioni,mi si è rotta l’auto,mi son dimenticato,il compleanno del figlio..PATETICI!!!! .Secondo me Renzi ed i suoi fans andrebbero denunciati per danni perchè stanno,in modo scientifico, facendo di tutto per rovinare l’immagine ed il senso ad un alto momento di partecipazione,di cui l’Italia ha estremo bisogno.Forse faceva parte degli accordi sottobanco col berlusca quando il sindaco di Firenze è andato a trovarlo ad Arcore!!

  6. I renziani si devono vergognare per aver disseminato disinformazione a piene mani. L’Italia ha bisogno di giovani coraggiosi e onesti non di faziosi imbroglioni rampanti. Le regole erano chiarissime fin dal primo momento e condivise da tutti compresi quei Fioroni e Gentiloni che le hanno votate a nome suo. Domani alle urne gli elettori del centrosinistra sono sicuro puniranno con il loro voto questa vostra boria e arroganza.

  7. LARGO AI GIOVANI!BASTA CON GLI YES MAN CHE HANNO SOLO PRIVILEGI ED INTERESSI DA SALVARE E CHE SALGONO SEMPRE SUL CARRO DEL VINCITORE. VIVA RENZI CHE HA IL CORAGGIO DI ANDARE CONTROCORRENTE

  8. LARGO AI GIOVANI!BASTA CON GLI YES MAN CHE HANNO SOLO PRIVILEGI ED INTERESSI DA SALVARE E CHE SALGONO SEMPRE SUL CARRO DEL VINCITORE. VIVA RENZI CHE HA IL CORAGGIO DI ANDARE CONTROCORRENTE

  9. La settimana prossima avrete tutti modo e tempo per capire quali erano le vere intenzioni di Renzi. Credevate davvero che uno cone Silvio si mettesse in pensione dopo aver tenuto per quasi vent’anni gli italiani sospesi sulle nuvole imbottendoli di sogni e chimere ?

  10. Non solo 98mila euro dai Riva a Bersani. Anche Enrico Letta, Nichi Vendola, Massimo D’Alema
    Nicola Latorre e Paolo Gentiloni hanno ricevuto contributi da persone finite nei guai con la giustizia

  11. a me piacerebbe sapere cosa vota cuor di leone delbono, che non solo per paura di perdere qualche voto non dice con chi sta, ma evita accuratamente questo "alto momento di democrazia" e preferisce legittimarsi come candidato sindaco con l’investitura del suo comitato centrale. Cosa francamente ridicola che indebolisce ancora di pù, se mai ce ne fosse bisogno, la sua candidatura. Attenzione a Onofri che stamattina ha surclassato tutti all’incontro al paRco dell’acqua, presenti delbono, castelletti, fenaroli e…. quello scappatato da pdl, riciclo o recupero o qualcose del genere.

RISPONDI