Differenziata: la provincia di Brescia non è riciclona

0
Bsnews whatsapp

Raccolta differenziata dei rifiuti: la media provinciale si attesta intorno al 43% in base all’Osservatorio provinciale rifiuti stilato ogni anno dalla Provincia, e non accenna a migliorare. A pesare maggiormente, scrive il Corriere, è la mancata introduzione della raccolta "porta a porta" tema caro ai programmi di alcuni candidati sindaco come Castelletti, Del Bono e Onofri, e del Movimento 5 Stelle. I comuni che hanno riciclato meno hanno dovuto pagare alla Provincia una tassa più cara, visto che un rifiuto differenziato significherebbe meno costi di smaltimento e quindi più fondi per il "porta a porta". Per la città il discorso cambia, almeno secondo Massimo Pedercini di Garda Uno e secondo l’Assessore provinciale all’Ambiente Stefano Dotti che spiegano al Corriere che avendo il termovalorizzatore costi contenuti, l’investimento nel "porta a porta" sia meno conveniente.  La buona notizia è che comunque alla fine del 2011 sono 27 i comuni che hanno differenziato fino al 65% e si trovano ad ovest e nella bassa. Maglia nera invece per i comuni delle Valli, la cui raccolta non supera il 30%. 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Se non fosse che il comune sia proprietario di una azienda di cassonetti forse anche la citta come succede in alcuni comuni della provincia sarebbe un pompiu efficace sull’imporla ai cittadini….. Ma come al solito……….

  2. L\’inceneritore trasferisce nel nostro cielo 809.000 tonn di rifiuti (Brescia ne produce solo (si fa per dire)150.000 annui. Ci volete dire da dove provengono gli altri 659.000 che ci sorbettiamo respirando (obbligatoriemente sembrerebbe).
    Tolto incenerimento…. raddoppio istantaneo riciclo…inevitabil mente!

RISPONDI