Desenzano, “il porta a porta” per la differenziata entro il 2016. Protesta il Movimento 5 stelle: troppo tardi

0

Il Movimento 5 stelle di Desenzano protesta contro la giunta in materia di rifiuti. Due le ragioni la giunta vuole rinnovare il contratto per  la raccolta dei rifiuti a GardaUno Spa senza gara pubblica e, inoltre, perchè il graduale passaggio al "porta a porta" per la differenziata è fissato al 2016. Troppo tardi secondo il Movimento la cui consigliera, Luisa Sabbadini, ribadisce che  "la raccolta differenziata  è uno dei pilastri su cui dovrebbe fondarsi una comunità moderna e sostenibile"

"Con questo comunicato si intende informare la cittadinanza di Desenzano in merito alle azioni imminenti che la Giunta intende formalizzare in tema di gestione e raccolta dei rifiuti solidi urbani e rinnovo del contratto di servizio con GardaUno Spa. Avendo visionato e analizzato la bozza del contratto e del PTF forniti come documentazione al Consigliere Luisa Sabbadini, il gruppo di cittadini del Movimento 5 Stelle di Desenzano del Garda intende esprimere il proprio dissenso e le proprie perplessità  riguardo i contenuti e le indicazioni contenute in tali atti. Vi è l’intenzione di firmare un contratto di servizio della durata di ben 15 anni, con affidamento diretto in-house a GardaUno Spa da parte del Comune senza gara pubblica a partire dal 01/01/2013, all’interno del quale l’unico impegno espresso da GardaUno Spa consiste nel  completamento dell’estensione della raccolta porta a porta a tutto il territorio comunale di Desenzano solamente entro il 31/12/2016, ovvero tra ben 4 anni.

Secondo le previsioni e le stime realizzate dall’azienda stessa e contenute nel PTF, questo lento e graduale passaggio al porta a porta produrrà una crescita annua della percentuale di raccolta differenziata nel Comune di Desenzano pari a circa il 5%; il che consentirà di arrivare solamente al 55% entro il 31/12/2015, mentre la normativa nazionale con l’art. 205 del D. L.vo 152/06 pone come obbiettivo da conseguire entro il 31-12-2012 una percentuale di raccolta differenziata di almeno il 65%. I cittadini del Movimento 5 Stelle, il cui programma considera la raccolta differenziata come uno dei pilastri su cui dovrebbe fondarsi una comunità moderna e sostenibile, intendono esprimere la propria delusione e il proprio rammarico per l’enorme occasione di svolta e cambiamento concreto che la Giunta si appresta a perdere".

Comments

comments

1 COMMENT

  1. la raccolta porta a porta penalizza come al solito il cittadino, impariamo dai comuni piu’evoluti che hanno introdotto cassonetti con schede per l’utilizzo

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome