Calcinato, gli insegnanti dell’Alighieri bloccano le gite contro i tagli alla scuola

0

Giovedì 6 dicembre 2012 i docenti della scuola secondaria di primo grado “Dante Alighieri” di Calcinato si sono riuniti in un’assemblea sindacale per riflettere sulla situazione della pubblica istruzione al centro di polemiche legate a luoghi comuni sulla figura dell’insegnante e ai continui tagli fatti e previsti sui fondi destinati alla scuola.

DI SEGUITO IL RESOCONTO DELL’INCONTRO E LE DECISIONI PRESE DAGLI INSEGNANTI:

Dal confronto tra i docenti è emersa in particolare la necessità di sensibilizzare l’opinione pubblica in merito alla difficoltà di progettare e realizzare iniziative a fronte delle scarse risorse finanziarie statali. Nel nostro istituto infatti molte delle attività svolte negli anni precedenti sono state portate avanti grazie alla disponibilità dei docenti anche senza un’adeguata retribuzione. A ciò si aggiunge l’amara constatazione di come la scuola spesso non sia riconosciuta come luogo educativo ed occasione di crescita, né dai ragazzi né da diverse famiglie.

Spiace vedere la poca partecipazione alle riunioni aperte a tutti i genitori, la scarsa attenzione alla serietà delle comunicazioni scuola-famiglia, il mancato riconoscimento del lavoro rivolto ai bisogni educativi specifici manifestati dai nostri alunni.

Il desiderio di aiutare i ragazzi nel loro percorso di maturazione si scontra con una stima che viene riconosciuta, a volte, alla persona, ma troppo spesso non al ruolo d’insegnante.

Si è dunque pensato ad una modalità efficace per poter trasmettere questo disagio. Come già altri istituti hanno fatto a livello nazionale, il primo pensiero è andato al rendicontare tutte le ore impiegate per l’organizzazione e lo svolgimento delle attività; poiché però tale operazione era già stata portata avanti con precisione da altri colleghi senza sortire riscontri fattivi nell’atteggiamento dell’utenza, i docenti hanno pensato, con decisione sofferta, ampiamente discussa ma condivisa, di sollecitare la riflessione della cittadinanza concordando di sospendere le visite d’istruzione fuori dall’orario scolastico, i tornei sportivi e le feste di fine anno, pur consapevoli del valore educativo di questi momenti di aggregazione.

Naturalmente sono state mantenute e garantite tutte le attività didattiche che arricchiscono l’offerta formativa della nostra scuola, come i recuperi, le uscite in mattinata e gli altri numerosi progetti.

Speriamo che in questo complesso momento le famiglie comprendano le nostre motivazioni e le sostengano.

Comments

comments

LEAVE A REPLY