Colpo di scena in Broletto, maggioranza divisa: Udc e Italia dei valori salvano Romele dopo l’avviso di garanzia

0
Bsnews whatsapp

Ha infiammato nuovamente l’aula di Palazzo Broletto, questa mattina (QUI LA PUNTATA PRECEDENTE), la mozione presentata dal Partito democratico per chiedere al presidente dell’ente Daniele Molgora di ritirare le deleghe al vicepresidente Giuseppe Romele (Pdl), indagato nell’ambito di un’inchiesta sul finanziamento illecito ai partiti che ha preso le mosse dall’affaire Nicoli.

Al momento di discutere la Lega Nord ha abbandonato il consiglio, e così il presidente Daniele Molgora che ha giustificato l’uscita spiegando che “non sono questioni che riguardano la Provincia” (mentre gli assessori del Carroccio Dotti, Prandelli, Razzi e Bontempi sono rimasti in aula). Una mossa criticata dal Pd e dalle altre forze di opposizione (anche se Udc e, a sopresa, l’Italia dei valori hanno annunciato l’astensione). “La verità è che Molgora e la Lega sono scappati per non votare a favore”, ha dichiarato il capogruppo del Partito democratico Diego Peli, il cui intervento è stato interrotto più volte dagli improperi di Gianpaolo Mantelli. Il capogruppo Udc Roberto Gitti ha parlato di atteggiamento “furbesco e pilatesco” del Carroccio, mentre Francesco Mazzoli ha invitato Romele a prendersi una pausa sul versante istituzionale.  

Sul fronte opposto il Pdl ha difeso Romele. Durissima la reazione di Mantelli, che di fronte alla richiesta del capogruppo Pd Diego Peli ha letteralmente perso le staffe (scusandosi poi per i toni), pur sottolineando che “con un rinvio a giudizio le cose sarebbero diverse”. D’Azzeo, ancora, ha citato il caso Pasini, “che si è dimesso a fronte di un avviso di garanzia e 20 giorno dopo si è scoperto che non aveva fatto nulla”. Mentre Lucio Facchinetti ha spiegato che “il vicepresidente potrebbe anche dimettersi, ma questo attiene alla sua sfera personale” e ha bacchettato il presidente Molgora per la decisione di non partecipare alla discussione sull’argomento. “Ha fatto la cosa più sbagliata”, ha incalzato Mantelli.

Al momento del voto, quindi, è scattata anche una piccola polemica sulle modalità di espressione. Il presidente Bruno Faustini ha dichiarato di non poter accogliere la richiesta del consigliere Giulio Arrighini di voto segreto. Parole contestate, richiamandosi al regolamento, dal Pd (Fabio Ferraglio e Pierluigi Mottinelli). Quindi una breve sospensione della seduta per approfondire la questione. Alla ripresa Faustini ha ribadito la sua interpretazione annunciando comunque la possibilità, sentiti i capigruppo, di procedere con il voto segreto. Così è stato. Al dunque i favorevoli sono stati 10, i contrari 12 e gli astenuti 2. Insomma: a salvare Romele sono state le astensioni dell’Udc ("hanno ricevuto ordini dall’alto", ha commentato maliziosamente qualche esponente del Pd) e l’uscita dall’aula del dipietrista Luca Pelizzari (oltre alla Lega, che non ha partecipato alla discussione e al voto).

Dopo la votazione Romele ha preso la parola per ringraziare l’aula per il dibattito, spiegando di sperare che si possa arrivare alla verità giudiziaria in tempi brevi. 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. La mozione non doveva neppure essere discussa in quanto non attinente a questioni legate all’ente. E’ compito della magistratura accertare se sono stati compiuti atti illeciti da parte del Vice.

  2. Dovrei tenermi l’amministratore di casa mia solo perchè ha rubato nella casa del mio vicino e non nella mia…..ma siamo veramente al limite della stupidità. E poi si fanno campagne sulla sicurezza!!

  3. Nella gran confusione, non capisco l’uscita dall’aula di Pelizzari dell’Idv, trattandosi di una persona che si è spesa con correttezza nei confronti del partito che lo ha eletto pur porvenendo, se non sbaglio, dai DS.

  4. nei paesi civili qualsiasi amministratore pubblico indagato dalla magistratura si dimette all’istante, in questo modo i partiti non perdono la loro credibilità di fronte ai cittadini onesti. Il concetto mi pare elementare…forse troppo per la classe politica italiana

  5. i giustizialisti fanno male all’Italia…un avviso di garanzia non è una condanna ma l’informativa di indagini sulla tua persona…impariamo ad essere più attenti..

  6. Ma le dimissioni di Romele sono state chieste anche per "manifesta incapacità" nella gestione del mandato. Perchè questo non esce sui giornali? Mi pare un motivo ben diverso da quello dell’avviso di garanzia, che ha diviso il consiglio.

RISPONDI