I fumi tossici di ieri avvelenano il sangue dei bresciani di oggi

0

Veleno da diossine e pcb nel sangue dei bresciani che lavorano nelle acciaierie o vivono nelle zone definite "pericolose". Lo conferma  uno studio del servizio prevenzione dell’Asl di Brescia e dell’Istituto superiore di Sanità, pubblicato sul Giornale italiano Medicina del lavoro. I ricercatori hanno analizzato sia il sangue di 300 lavoratori metallurgici e di 20 impiegati negli uffici amministravi, sia quello di  46 persone che vivono vicino alle aziende che fondono rottami e altre 47 che vivono a distanza. "Per i lavoratori metallurgici – scrive il Corriere riportando le parole dei ricercatori – si osservano livelli ematici di pcb più elevati di quelli osservati nella popolazione non professionalmente esposta, sebbene in modo non statisticamente significativo, fatta eccezione per alcuni congeneri – come i pcb 28, 52 e 101 – che risultano significativamente più abbondanti".  L’industria del ferro e dell’acciaio è tra le cause di questa situazione, come ha anche affermato l’Unione europea, e considerando che Brescia ne ha fatto uno dei suoi comparti principali, purtroppo i conti tornano.  Negli ultimi anni le 22 principali aziende siderurgiche bresciane hanno investito davvero tanto per diminuire le diossine e per favorire un monitoraggio da parte degli enti: i dati rilevati sono infatti frutto di anni passati che mostrano oggi i loro effetti.  

Comments

comments

1 COMMENT

  1. A qualcuno risulta che si facciano controlli puntuali sulle fonti di diossine, pcb e metalli pesanti almeno vicino alle mote fonti (acciaierie, inceneritori ed altro ).
    Se sì fatelo pubblicamente sapere altrimenti incavolatevi di brutto con chi dovrebbe istituirli. Taranto e Campania hanno il sangue meno intossicato dei bresciani ma i bresciani se ne stanno zitti zitti… boh!

  2. E dei fumi nocivi di oggi per cui l’Europa ci ha classificato al terzo posto per l’aria più irrespirabile del continente? Caspita, ma l’ASL ha una bella faccia tosta nel continuare a voler nascondere la pesante situazione ambientale anche di questi ultimi anni! Ciò ha dell’incredibile e se siamo ridotti così non sarà anche per questi comportamenti dilatori?

  3. E’ incredibile come da parte dei commentatori ci si appasioni e si dibatta sulle facce di chi si candida al potere cittadino ma si ignorino un fatto accertato e gravissimo come l’inquinamento ambientale bresciano che ora (pensa te) si trova nel nostro sangue e nel latte delle madri che allattano. Incomprensibile.Cosa vuoi che siano livelli altissimi di tumori……

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome