Altri tre bresciani indagati per “spese pazze” al Pirellone: Peroni, Parolini e Ligasacchi

13
Bsnews whatsapp

Sono convocati davanti ai magistrati per gennaio, il 9 e il 10, i tre consiglieri del Pdl e i due della Lega, Margherita Peroni, Mauro Parolini, Vanni Ligasacchi, Renzo Bossi e Monica Rizzi. Sono loro i cinque bresciani che vanno ad aggiungersi agli indagati per peculato in Regione Lombardia dopo Pierluigi Toscani, Enio Moretti e Alessandro Marelli. Alla Peroni, ex assessore della giunta Formigoni, la Procura contesta, scrive il Bresciaoggi, spese per 80.366,05 euro (dal 2008 al 2010), mentre per la Rizzi la cifra si "abbassa" a 25.857,90 euro.  Renzo Bossi, le cui spese sono state definite dalla stessa Procura "creative", dovrà spiegare spese per 22.617,27 euro, tra le quali figurano un frigorifero, consumazioni al bar e un tv lcd, ma anche cene e acquisti all’Apple Store. Il figlio del Senatur non si sarebbe fatto mancare rimborsi per aperitivi nei locali alla moda e merendine all’autogrill. Il 6 luglio 2010 paga 24 euro poi rimborsati per «mojito, Campari e Negroni» all’Hollywood Living, la sera prima altri 24 euro per «tre Aperol Spritz». A Parolini sono state contestate spese per 16.721,93, mentre per Ligasacchi, l’ammontare è si 3.698,90 euro tra pieni di carburante, cene e libri "sul tema della politica".  Aspro il commento di Roberto Formigoni, che invita la magistratura a controllare anche le spese del centrosinistra "prima delle elezioni".

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

13 COMMENTI

  1. Alla faccia delle spesuccie,ma pure il centralino dello studio si sono scaricati. E se 40.000 € all’anno di spesuccie ,la suorina del Pdl, si è fatta rimborsare cosa dobbiamo aspettarci dagli altri ?? Sarebbe opportuno che il Pdl trovi altre facce da proporre e comunque aiutiamoli ad essere rottamati…certi personaggi .

  2. Stiamo. Aspettando che la magistratura si interessi anche di controllare le municipalizzate del garda bacino di.voti e di assunzioni politiche dove non cè. Sempre la trasparenza negli acquisti e nella gestione si potrebbero trovare. Forse delle sorprese! Patrizia

  3. Ci sono proprio tutti: se li incontriamo per strada, mi raccomando, facciamoci restituire i nostri soldi, magari in natura: un pirlo, una tavoletta di cioccolato, un petto di pollo…

  4. Sono curioso di vedere le spese del PD, visto ha una spesa per consigliere regionale più alta 🙂 Magari invece di Mignottocrazia troveremo il Capitale di Marx.. 🙂
    Questo silenzio dei consiglieri regionali di sinistra, di solito molto loquaci su questi argomenti, è molto molto sospetto 😀

  5. E quando avrà visto le spese del PD e ci avrà trovato il rimborso del libro di Marx, quale sarà il suo parere su chi ci sta governando? Che siccome lo fanno tutti, va bene che un consigliere che prende 14.000 euro AL MESE si faccia pagare l’aperitivo da noi che non arriviamo a fine mese? Mi faccia capire…

  6. Ormai siamo assuefatti. Impantanati dalle nostre ideologie. Ci fingiamo indignati fin tanto che non viene beccato uno dei "nostri". Allora ci riduciamo ad accusarci uno contro l’altro. A chi ha rubato di meno. Come se questo bastasse, in qualche modo, a giustificarli. E quando qualcun’alto cerca di affacciarsi alla politica cercando di portare qualcosa di nuovo, ecco alzarsi gli scudi del cittadino prevenuto. "del tanto sono tutti uguali". Come a voler giustificare ancora le malefatte dei loro "soliti" noti. Siamo un popolo di caproni. Tutto quello che stiamo subendo ce lo siamo meritato. Sta passando l’ultimo treno. O lo becchiamo al volo, e ci salviamo almeno un minimo di orgoglio per noi e per il futuro dei nostri figli, oppure consegnamoci muti e rassegnati come capre al macello a questi papponi con il verme solitario grande come un pitone.

  7. Comincio a intuire chi possa essere il Setup: geniale, soprattutto se proprio lui venisse dai vermi solitari della Prima Repubblica. Doppiamente geniale, verrebbe allora da dire…

  8. Macchè…sono troppo giovane per capire di Prima Republica. E poi di vermi solitari ne conosco pochi. Ora sembra che, chi li abbia, scelgano di "convivere" in gruppo. Otto, mi sembra di leggere li sopra.

  9. qualcuno cerca di nascondersi dietro la scusa che sarebbero state spese ammissibili dalla legge…..ma questi non hanno ritegno . non sanno che la gente di fronte a queste cose…spese per centraline telefoniche, Hi Phone ,Hi Pad ,cene,alberghi,bolli ..caramelle…e quant’altro..che la gente comune neanche si può permettere …E qualcuno con stipendi da 14-16.000 € al mese potrebbe avere almeno la dignità di comperarseli e, non bofonchiare scuse . Che tristezza …ma siamo vicino al Natale ….ed ogni scusa NON vale .

RISPONDI