Prevenire eventuali assalti all’ambulanza: sinergia tra operatori e forze dell’ordine

0

La sicurezza degli operatori del 118, volontari e dipendenti, in alcuni casi è stata gravemente compromessa a causa del comportamento dissennato di alcuni personaggi che non tengono minimamente in conto quanto sacrificio gli equipaggi delle ambulanze mettano per soccorrere chi ha bisogno. Addirittura, sembra ad opera di una banda di nomadi, è stato fatto ricorso all’uso di armi da fuoco per fermare un’ambulanza in servizio!

Per questo motivo CRI della Lombardia ritiene assolutamente necessario che le Forze dell’Ordine, che già ampiamente danno il loro ausilio ai nostri volontari e dipendenti, prestino la massima attenzione e possibilmente mettano in essere specifici dispositivi di controllo, specie nelle ore notturne, verso le ambulanze in servizio. E questo al fine di garantire la sicurezza sia dei pazienti trasportati che degli equipaggi stessi. Il comitato regionale CRI della Lombardia si appella ai Comandi dell’Arma, alle questure, ai commissariati ed ai comando di Polizia Locale affinché, nella logica operativa che ritengano più idonea, tengano sotto controllo delle situazioni che, in casi come quello sopra citato, avrebbero potuto causare delle autentiche tragedie e che, in ogni caso, pur avendo visto una soluzione positiva, non hanno certo collaborato a far operare serenamente chi, specie nei momenti di svago per gli altri, sacrifica il proprio tempo, la propria famiglia e la propria sicurezza per soccorrere chi ha bisogno. A tutti gli equipaggi CRI della Lombardia una forte raccomandazione: quella di allertare via radio la centrale operativa davanti anche al minimo sospetto di fatti o azioni che potrebbero compromettere la sicurezza dei pazienti e degli equipaggi.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Ammirazione massima per la CRI e per tutti gli operatori sanitari !!!
    Aggiungerei un quesito emerso nelle vacanze: far muovere mezzi di soccorso / personale medico per occuparsi di pargoli ubriachi non potrebbe correlarsi al pagamento "del disturbo" di 500-600 euro da parte dei medesimi sollazzatori da devolversi per il bene comune ?? Ah quanto sarebbe educativo ….

  2. RichiestA sacrosanta. Altrettanto vale per il servizio di guardia medica. Chiamati di notte a effettuare delle visite domiciliari i medici, molto di frequente giovanissime donne, sono on balia di tutti malintenzionati. Spesso sono costretti a recarsi in abitazioni isolate o in abitazioni di perfetti sconosciuti sono esposti a grandi rischi. Nemmeno nelle sedi di servizio sono al sicuro, come provato dalle aggressioni che subiscono, non di rado.

LEAVE A REPLY