Bonus Bebè, Del Bono (Pd): “Paroli paghi di tasca sua”

0

“Il tribunale ha dato torto per la settima volta al comune di Brescia sul Bonus bebé. Ora il sindaco Paroli deve abbandonare questa assurda ostinazione, mettere mano al portafogli e pagare di tasca sua per gli errori commessi”. Non ha dubbi Emilio Del Bono, candidato sindaco dei democratici, nel commentare la notizia che la sezione Lavoro del tribunale di Brescia ha dichiarato discriminatorio il comportamento del Comune per la delibera numero 46 del 30 gennaio 2009, quella con la quale la Loggia ha revocato il bonus bebè sia agli italiani che agli stranieri. “Paroli”, spiega Del Bono, “si arrampica sui vetri e cerca di avere ragione ad ogni costo, incaponendosi inutilmente. Mostra il suo ritardo culturale e la sua miopia, vantandosi pubblicamente della paternità del Bonus bebè e ingaggiando una battaglia fallimentare in tribunale. Spreca le risorse della città e i soldi dei cittadini, perché tutte queste sconfitte legali non sono gratuite”. Il giudice ha infatti deciso che ognuno dei quattro ricorrenti riceva 3 mila euro “a titolo di risarcimento del danno non patrimoniale da discriminazione”, a questi vanno aggiunti i 15 mila euro che andranno all’Asgi (Associazione studi giuridici sull’immigrazione) per lo stesso motivo e gli 8.500 euro (+ Iva) per spese legali. “Stiamo parlando di 37 mila euro che saranno sottratti alle casse comunali e che invece il sindaco, con un atto che a questo punto mi pare doveroso, dovrebbe pagare personalmente”, conclude Del Bono. “Subito dopo deve mettere fine a questa inutile crociata”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Io da cittadini pretenderei che la cgil e le varie associazioni coccolaimmigrati ridiano indietro i soldi pubblici che un giudice gli ha regalato…

  2. paroli pagare please !! Sbagliare è umano , perseverare è diabolico e molto sciocco ! Se sai che perderai ( dopo 4-5 volte ci sarebbe arrivato chiunque) perchè ostinarsi ed insistere !!! E perchè questa ostinazione la dobbiamo pagare noi??? visto che apre il portafoglio non si dimentichi di pagare anche le multe !!

  3. Del Bonino farebbe meglio a pensare seriamente aiproblemi della città, invece di correre demagogicamente dietro le notizie cercando di approfittarne. Se crede che Paroli debba pagare di tasca sua (opinione legittima e persino condivisibile), ipotizzando il reato di danno erariale, faccia denuncia in procura e ci metta la faccia. Lanciare il sasso e nascondere la mano non porta nessun vantaggio. Neppure truccare le foto per assomigliare ad Onofri, che lo surclassa in tutto.

  4. Contro i talebani pro-immigrati di magistratura,cgil e associazionucole varie bisogna lottare ora e sempre.Soldi ben spesi. Delbono emigra!

  5. Fatevi un giretto nelle scuole materne, primarie, pronto soccorso, case pubbliche, ecc …..vedrete che casomai ci sarebbe bisogno di un disincentivo bebè per i "coloured".
    Comunqu e nella magistratura esiste il divieto di partecipare ai concorsi per l’accesso alla medesima da parte dei cittadini stranieri. Evidentemente DUE PESI E DUE MISURE differenti.

  6. razzistelli maldestri, sconfitti su ogni fronte, usano termini rabbiosi come "coloured". siete voi i neri; di rabbia e di odio. 7 sentenze perse, ancora non capsicono perché. "ce l’ho duro", sicuro: il comprendonio !

  7. Il fesso amico degli immigrati non ha ancora capito che se chi dà le carte ha truccato il mazzo il risultato della partita sarà sempre lo stesso…da qui le sentenze.

  8. no. il comune é già stato costretto a pagare il bonus bebè nel dic 2012 ed ha pagato, sia italiani che stranieri. tra l’altro la somma che era stata stanziata é risultata superiore alle richieste. quindi tutti gli italiani e stranieri che ne avevano bisogno e che ne hanno fatto richiesta hanno ricevuto il bonus. risulta quindi ulteriormente incomprensibile l’incaponimento di rolfo e paroli.

LEAVE A REPLY