Cementificazione tra Paratico e Clusane: l’Enpa sostiene il fronte dei “no”

0

Con un comunicato la sezione di Brescia dell’Enpa esprime la propria contrarietà alla realizzazione di un insediamento abitativo-turistico sulla costa tra Clusane e Paratico.

DI SEGUITO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO:

La Sezione di Brescia dell’Enpa dà il suo appoggio e la sua adesione alla protesta delle associazioni “La schiribilla” e “Monte Alto” contro la realizzazione di un insediamento abitativo – turistico sulla costa tra Clusane e Paratico. Come fatto rilevare dalle associazioni suddette, la zona oggetto di cementificazione è un’area naturale residua che costituisce un importante corridoio ecologico per le specie di anfibi che dal monte si spostano verso il lago per la riproduzione primaverile. Non solo: le aree costiere sono interessate da zone a canneto che ospitano uccelli e fauna lacustre mentre i prati incolti sono l’habitat di molte specie che con questi pesanti sconvolgimenti scompariranno o saranno sempre più in difficoltà. Il nostro territorio è già pesantemente antropizzato e cementificato, con numerose e sempre più evidenti ripercussioni negative sulla flora, sulla fauna e sulla popolazione umana. Crediamo che la nostra provincia non abbia proprio bisogno di costruzioni, cemento ed infrastrutture inutili, ma di preservare quel poco di verde e di natura che offrono spazi vitali a molte specie vegetali e animali ormai sempre più in difficoltà e che costituiscono invece una meta per passeggiate salutari e osservazioni naturalistiche. Nostri volontari e rappresentanti parteciperanno al sit-in previsto sul luogo sabato alle ore 11:00, per sostenere una battaglia di civiltà contro un’insensata e selvaggia corsa alla distruzione del nostro territorio.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome