La Cassazione: una coppia gay può crescere un bambino

0

La Suprema Corte apre all’adozione dei figli da parte delle coppie omosessuali. Come riporta il Corsera di Brescia, la storica sentenza della prima sezione civile della Cassazione ha dichiarato che si tratta di un “mero pregiudizio” sostenere che “ sia dannoso per l’equilibrato sviluppo del bambino il fatto di vivere in una famiglia incentrata su una coppia omosessuale”.

La storia è iniziata qualche tempo fa, quando la Prima sezione civile ha bocciato il ricorso presentato da un padre musulmano contro la sentenza con cui la Corte d’appello di Brescia aveva concesso l’affidamento esclusivo del figlio minore alla madre, ex tossicodipendente, che si era scoperta lesbica dopo aver incontrato una delle educatrici conosciuta in una comunità di recupero. I giudici di Brescia avevano preso la decisione dopo un episodio violento da parte del padre nei confronti della compagna e convivente della mamma mentre in casa era presente il bambino.

Il padre era così ricorso in Cassazione adducendo come giustificazione la carenza motivazionale delle decisione di merito sull’”idoneità sotto il profilo educativo” della famiglia dove viveva suo figlio. Famiglia formata da due donne legate da una relazione omosessuale. In sostanza il bambino avrebbe avuto “ripercussioni negative” per il solo fatto di crescere all’interno di una famiglia gay. A suffragio della propria tesi, l’avvocato del papà musulmano aveva citato l’art. 29 della Costituzione sui “diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Che bello quando bsnews si occupava di notizie di bs e provincia e non era il bollettino stampa della sinistra bresciana tutta eccitata per l’ennesimo sentenza politica(in questo caso pure un po’ schifosa)

  2. ma come ti permetti di parlare di "schifo" parlando di persone che si vogliono bene e sono capaci di amare. fanno schifo le cose che scrivi tu, sempre intrise di odio omofobo e razzista.

  3. Dopo questa sentenza ……. paradossale, se avevo qualche dubbio di dare il mio voto al centrodestra …. adesso sono sicuro che il mio voto andrà all’ ESTREMA DESTRA !!! Siamo alla piena decadenza di qualsiasi moralità …. che schifo !!!

  4. certo che un referendino su questo tema lo si poteva anche fare visto che se ne fanno decine che non servono ad un ca@@o ( vedi acqua )…..

  5. "apre all’adozione dei figli da parte delle coppie omosessuali"? Ma quale ADOZIONE? Il bambino della sentenza è FIGLIO della madre con cui è sempre stato e con cui continua a stare. E’ che la madre non sta più con il padre del bambino ma con un’altra persona (che è una donna e che è stata vittima di un episodio violento da parte del gentile genitore: quello si che invece è "idoneo sotto il profilo educativo, no?). Quale ADOZIONE?

  6. Non dimentichiamnoci che tutti siamo nati in una placenta e fecondati con un spermatozoo. Gay compresi.
    Se vogliamo invece metterla sotto un punto di vista, tipo: La donna come officina di riproduzine, e il bambino come figlio del mondo, allora sta bene. Possiamo farli adottare anche da una coppia di cani. Gay naturalmente.

  7. A parte l’eleganza dei tuoi paragoni, scusa ma hai letto la notizia? Qui si parla di un bambino che resta con sua madre. DOVE SAREBBE L’ADOZIONE?

  8. Il mio poco elegante commento era legato sopratutto al titolo. Ora, con tutta la buona volontà, provi a immaginare che quel bambino, invece di crescere con due carine ragazze dalla dentatura perfetta, (e le posso assicurare che non sono davvero tutte così) ci siano invece due persone di sesso maschile con barba e baffi. Non so lei, ma io faccio davvero fatica ad accettare questa sentenza. Premesso che conosco coppie eterosessuali che non potendo avere figli, dove assistenti sociali hanno di fatto reso impossibile una qualsiasi tipo di adozione. Motivo? Problemi forse psicologici…legati all’infanzia…tropp o fragili…mille scuse…troppo sporca la cantina…troppo apprensivi…Che mondo di m@@@a.

  9. Se prima di commentare si riesce ad andare oltre il titolo ed a leggere cosa c’è scritto nell’articolo, si capisce di cosa si sta parlando. Non commento su dentature, barbe e baffi: mio padre aveva i baffi, mia madre non aveva i denti perfetti eppure nessuno si è sognato di dire loro se erano degni o no di crescere dei figli. Il padre della famigla di cui si parla nell’articolo è un individuo che ha esercitato un "episodio violento" nei confronti della compagna della sua ex moglie: ovviamente su questo lei non commenta, questo non le pone dubbi sul fatto che essere genitori degni non dipenda necessariamente dall’orientamento sessuale, ma da che persone si è. A me una sentenza che afferma che l’ex marito non ha diritto di chiedere che il figlio non debba stare con SUA mamma perchè questa ha una compagna, non fa per nulla rabbrividire: anzi. Certo, non cado nell’equivoco di gioire o arrabbiarmi per una presunta apertura della cassazione alle ADOZIONI da parte di coppie omosessuali: perchè non si parla di adozioni. Sulle adozioni, invece: posso essere d’accordo con lei, pensando però che il problema possa essere il livello di discrezionalità attribuito agli assistenti sociali e, nuovamente, che l’orientamento sessuale non c’entri nulla.

LEAVE A REPLY