Primarie Aib, la decisione spetta alla Commissione dei saggi

15

* L’Associazione Industriale Bresciana – alla nostra proposta di individuare un percorso comune e condiviso per consentire ad ogni imprenditore associato di esprimere, informalmente, la sua preferenza in ordine alla nuova presidenza dell’Aib – ha risposto di non poter aderire in quanto “la richiesta è giunta dopo la nomina della Commissione di designazione dei saggi avvenuta il 10 dicembre 2012” e “ora ogni nostra presa di posizione verrebbe letta come un’indebita ingerenza nel lavoro della commissione stessa”. Ne prendiamo atto, con grande rispetto per le scelte che il vertice dell’associazione degli imprenditori ha ritenuto di compiere. Con grande rispetto, ripetiamo, ma anche con un pizzico di rammarico, perché le “primarie” che la nostra testata ha lanciato hanno avuto un successo clamoroso, al di sopra di ogni aspettativa, con oltre 3.300 votanti, con una nutrita serie di commenti ai più alti livelli di rappresentanza della provincia, ed una serie di commenti così lunga da stupire perfino le testate più blasonate.

Chiudiamo, a questo punto, il nostro sondaggio su “chi vorresti come presidente dell’AIB”, i cui risultati, ampiamente consolidati, vedono primeggiare il Cavaliere del Lavoro ingegner Marco Bonometti, il cui nome non era neanche compreso tra quelli inizialmente proposti da Bsnews.it all’inizio del sondaggio, ma affermatosi “a furor di popolo”, con quasi 1.270 voti contro i 460 del secondo in graduatoria. Lo sottolineiamo doverosamente, pur nella consapevolezza che i risultati non hanno – e non vogliono avere – alcuna ufficialità, ma con il radicato convincimento che il sondaggio ha comunque un suo profondo significato, che la forza dei numeri sottolinea.

Chiudiamo il sondaggio, ma abbiamo deciso di svilupparne il suo valore assumendo due iniziative.

In primo luogo, Bsnews.it ha deciso di trasmettere il risultato ai cinque “saggi” di Aib, quelli che, secondo le regole dell’associazione, hanno il delicato compito di sondare la base associativa per individuare il nuovo presidente. Questa decisione intende soltanto portare formalmente a conoscenza di coloro che hanno la responsabilità di individuare il nuovo presidente i risultati di questa consultazione. Spetterà ai saggi, nella loro piena autonomia, nella quale Bsnews.it non vuole in alcun modo interferire, ogni valutazione di merito, se lo vorranno e nei modi che ritenessero opportuni.

In secondo luogo, Bsnews.it intervisterà le persone che hanno ricevuto voti nel sondaggio, e che saranno disponibili, con l’intendimento di consentire loro di esprimere le loro valutazioni e le loro considerazioni. Con un unico obiettivo, da parte nostra: quello di propiziare una presidenza di AIB ampiamente condivisa, frutto di una consultazione il più possibile ampia e penetrante tra tutti gli associati. Il tutto perché AIB ha un ruolo molto importante da svolgere. In rappresentanza degli industriali, ovviamente, ma non solo. Anche nell’interesse del territorio, che nel manifatturiero ha una risorsa importante e che, in una situazione di crisi profonda, deve essere sostenuto e valorizzato come risorsa strategica, anche per il futuro.

GIORGIO COSTA

* DIRETTORE BSNEWS.IT / DODICI MESI 

LE INTERVISTE AI PROTAGONISTI
* Bsnews.it, come annunciato, ha contattato e sta contattando TUTTI i protagonisti del sondaggio per intervistarli. Di seguito pubblichiamo le interviste già realizzate.

Bonometti (Omr): continuerò a fare la mia parte (17 gennaio 2013)

Pasini (Feralpi): momento difficile, preferisco dedicarmi all’azienda (18 gennaio 2013) 

LEGGI ANCHE

Cara Aib, ora le primarie facciamole davvero (24 dicembre 2012) 

Se anche Aib facesse le primarie (5 dicembre 2012) – APPELLO E COMMENTI

Primarie di Aib, il sondaggio di Bsnews.it (5 dicembre 2012) – RISULTATI E BIOGRAFIE

 

 

 

Comments

comments

15 COMMENTS

  1. Tanta attenzione per Aib non credo appassioni i vostri lettori, ma l’iniziativa è senza dubbio ragionevole e non lo è il silenzio della controparte, che preferisce stare arroccata nel fortino invece di confrontarsi.

  2. Attendiamo poi che lo stesso venga fatto con il Rotary. Che dire poi, ad esempio, della Croce Bianca? Una associazione così nota e radicata da decenni sul territorio merita sicuramente qualche consiglio da un gionale su come gestire le elezioni del proprio Consiglio. A seguire, poi, il Collegio Costruttori, la Confcommecio, etc. etc.

  3. Dopo i saggi con l’imposizione caduta dall’alto (Bonomi/Bodini&Co) dei 3 nomi Bruno Bertoli, Franco Polotti e Luigi Moretti, quest’ultimo, come da Statuto in rappresentanza della Piccola………pecc ato che nessuno della Piccola, neppure il Presidente Franceschetti lo sapesse….ops, dimenticavo che rappresenta la Marzoli (Piccola??), ora i papabili sono 2: Alberto Volpi che gode di stima come persona e imprenditore, peccato che rappresenti la "continuità" dei soliti che vogliono tenere l’Associazione come cosa loro e finalmente Marco Bonometti che gode di altrettanta stima ma romperebbe gli equilibri ormai logori e stantii…….ASSOCI ATO, SVEGLIA!!

  4. Ahahaha evidentemente ne avete fatti arrabbiare tanti con la vostra campagna, vedo che qualcuno addirittura vi insulta.. Quindi: bravi! Continuate così….

  5. xmar 15 gen 2013, ore 17.14 nessun insulto .Se non sbaglio hanno censurato anche il mio (dopo ore ) capisco che sono state aperte 7 o 8 discussioni su questa AIB e forse non riesco a trovare il mio msg di martedi , nel caso sia tra quelli ripeto la domanda senza la parola "i@@@@@@o" COME MAI DA MESI DATE COSI TANTA VISIBILITA’ AD UN SONDAGGIO CHE INTERESSA SI E NO LO 0,3% DEI BRESCIANI ?

  6. Come mai il Corriere dedica la prima pagina al Ppe che sfratta Berlusconi? Come mai i quotidiani nazionali hanno parlato tanto della successione in Confindustria? Come mai un quotidiano locale si permette di parlare della Confindustria locale… Boh…

  7. a Remo : ho capito la tua ironia ma pensavo di esserlo stato anch’io LOL comunque credo sia giusto per un giornale locale online dare la notizia che riguarda la propria citta’ ma poi lasciarla scorrere come tutti gli altri argomenti mentre questa qui ha proprio stramazzolato e’ da mesi in prima pagina. Per chi scrive che state facendo arrabbiare qualcuno non penso proprio sia cosi ( anzi la cosa mi diverte pure ) magari stanno facendo scappare qualche lettore….quello si.

LEAVE A REPLY