Spaccio in centro storico, Fratelli d’Italia attacca il Pd: “E’ colpa delle vostre scelte”

0

Con un comunicato i neonati Fratelli d’Italia commentano la denuncia di spaccio in zona Pallata avanzata dai volontari del comitato elettorale del candidato sindaco del Pd Emilio del Bono. “

DI SEGUITO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO:

Il recente commento dei gestori del comitato elettorale di Del Bono circa la presenza di spaccio in zona Pallata ci lascia per più motivi esterrefatti: strappa in primis un amaro sorriso vedere l’ingenua reazione di chi ha sempre fatto politica (nell’esclusivo interesse proprio e di pochi privilegiati verrebbe a questo punto da dire) dalle torri d’avorio, quando si ritrova fra “i comuni mortali”, dove varie situazioni rendono oggettivo il fenomeno dello spaccio (che pure è diminuito e si è andato modificando moltissimo negli ultimi anni). Che chi vorrebbe guidare Brescia non sappia nulla di quanto succeda, quanto fatto, delle vere emergenze e dei loro perché, ci lascia comunque basiti e amareggiati… Forse è il caso d’insegnare a questi “bresciani DOC” come stanno le cose: Sì, il quartier Carmine è da sempre uno dei luoghi dello spaccio cittadino e, sì, chi vive, frequenta o semplicemente ci tiene al centro storico (come l’attuale Giunta o il nostro partito) lo sa da tempo. Cosa si è fatto: moltissimo. Chi conosce la zona sa che è cambiata radicalmente: innumerevoli edifici sono stati recuperati dal degrado, abbiamo riqualificato strade ed arredo urbano e, soprattutto, messo telecamere, pulito, migliorato l’illuminazione, stimolato nuove attività, recuperato i beni storico-artistici per favorirne la frequentazione; nulla è stato lasciato al caso per contenere certe “male frequentazioni”, e moltissime sono le ronde e i controlli di Polizia urbana, di Stato, Guardia di Finanza ed ASL (ogni tanto bisognerebbe anche leggere i giornali o girare per il centro per rendersene conto…). Non solo: si è tentato di promuovere normative come il divieto di bere in luogo pubblico o chiusure anticipate di certi locali e, ancora, promuovere la frequentazione diurna e serale di giovani ed universitari. Il problema: negli ultimi anni la crisi e le ondate migratorie hanno portato nuove e più pericolose leve alle attività criminose (pensate che, nell’ambiente, la zona è indicata già a Lampedusa come riparo sicuro e sbocco lavorativo per i clandestini!…). Sinora ci sono state numerosissime denunce e ripetuti arresti ma il problema, benché contenuto, si continua a ri-presentare. Perché non si è potuto fare di più?! Perché proprio la sinistra ha sempre difeso alcuni commercianti conniventi che smerciano alcoolici e fungono da basisti e luoghi d’incontro per certa gentaglia, perché ha sempre rivendicato e protetto la presenza in zona di clandestini (è essere razzisti dire che chi non ha soldi, lavoro e nulla da perdere si butta spesso nello spaccio?! Basta guardare i numeri…), ancora: perché è proprio la sinistra che offre avvocati e protezione, e che mette i bastoni fra le ruote ai controlli. Cari “Sgomenti e preoccupati volontari del comitato elettorale di Del Bono” dovreste uscire più spesso di casa. Comunque, se siete davvero preoccupati per la sicurezza della nostra città ed il futuro del suo centro storico, potreste sempre fare qualcosa di utile: scendere dalle nuvole che circondano i vostri palazzi dorati e passare a “Fratelli d’Italia”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. i fratelli d’itaglia vogliono rubar voti a fn eh eh; naturalmente entrambe le formazioni non usano sostanze stupefacenti vero?

  2. Io ci vivo e do battaglia da vent’anni contro il degrado del Carmine, per cui sono autorizzato a dire che lo scritto qui sopra e’ Un’autentica buffonata. Io quest’amministrazion e l’ho votata, non tanto per meriti suoi, ma soltanto per profonda repulsione nei confronti dell’ inerzia dell’amministrazione precedente. Purtroppo devo dire che l’infimo livello dell’amministrazione Rolfi Labolani e soci mi sta facendo rivalutare l’operato di chi li ha preceduti. Al Carmine non e’ stato recuperato un solo immobile o una sola via o vicolo nonostante l’istituzione del pomposo "Ufficio centro storico e progetti speciali" e quel che si era migliorato e’ stato rimandato in vacca dalla movida, strenuamente difesa da Rolfi. Come dobbiamo dirlo a questi sordi ipocriti che la movida ha richiamato gli spacciatori e che i bar dei leghista sono frequentati da spacciatori al pari, se non più, degli altri? Non ci importa nulla delle liti di bottega tra capponi

  3. Una bella taglia per individuare l’autore del compitino pieno di luoghi comuni e dal linguaggio puerile e lagnoso.Meno male che non prenderanno il quoziente. Ah, la destra che fu….

  4. Colpisce l’affermazione su Lampedusa e i clandestini. Colpisce ma certo non stupisce che in Italia e a Brescia si venga premeditatamente per delinquere, sapendo già di zone franche, domanda ed offerta di sostanze stupefacenti, maglie larghe nella prevenzione del crimine, controlli blandi, processi di durata indefinita, sanzioni penali irrisorie, certezza della pena come optional. Il tasso di illegalità in questo Paese, che all’estero ben conoscono, andrebbe affrontato frontalmente tanto quanto la crisi economica e la mancanza di lavoro. Da destra o da sinistra è inutile che venga il lamento su problemi che le due parti non hanno mai indicato come prioritari nelle rispettive agende politiche di Governo del Paese.

LEAVE A REPLY