Falso allarme-bomba a scuola: chiama il 115 col telefonino della madre

2

(a.c.) C’è gente che si diverte facendo scherzi stupidi e pericolosi. Anche all’età di 27 anni. E’ successo ieri pomeriggio in Valle Trompia, a Lumezzane. Al 115 dei Vigili del Fuoco intorno alle 13:30 è arrivata una chiamata anonima che annunciava la presenza di una bomba all’interno della scuola primaria «Bachelet» di via Montini, a Sant’Apollonio. L’allarme è scattato immediatamente: sul posto si sono dirette squadre di pompieri, carabinieri, polizia locale e ambulanze della Croce Bianca. Tutti fuori al freddo i bambini, gli insegnanti e il personale; solo gli alunni che erano accompagnati dai genitori hanno potuto far ritorno a casa, gli altri hanno dovuto attendere le 15:30 per rientare in classe, quando è stato chiaro che l’allarme era solo uno scherzo.

Oltre a non essere per nulla divertente, il responsabile dell’episodio non è nemmeno tanto furbo: i carabinieri l’hanno individuato nel giro di breve tempo, risalendo all’identità della madre della quale ha utilizzato il telefonino. Un ragazzino che non aveva voglia di tornare a scuola nel pomeriggio? No, un 27enne con qualche precedente alle spalle. Per lui è scatta la denuncia per procurato allarme. 

Comments

comments

2 Commenti

  1. Mi dispiace per i genitori ma dovrebbero pagare le spese, dovute per i soccorsi, sostenute della Comunità. Per il ragazzino un buon periodo di lavoretti a cura dei servizi sociali. E le dovute sedute con un psicologo. Auguri di cuore ai genitori.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome